DIRITTI. CODICI lancia la settimana contro la violenza sulle donne

Ieri si è celebrata la Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, proclamata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 1999, per ricordare il brutale assassinio del 1960 delle tre sorelle Mirabal, considerate esempio di donne rivoluzionarie per l’impegno con cui tentarono di contrastare il regime di Rafael Leónidas Trujillo (1930-1961), il dittatore che tenne la Repubblica Dominicana nell’arretratezza e nel caos per oltre 30 anni.

In occasione della giornata CODICI ha lanciato la settimana contro la violenza sulle donne: dal 24 al 30 novembre l’Associazione organizza una serie di azioni di tutela e prevenzione che si svolgono dalla Lombardia alla Puglia. Ieri è stato inaugurato a Seveso lo sportello anti stalking, il terzo della Lombardia, mentre martedì 30 sarà inaugurato a Taranto il secondo sportello anti stalking della Puglia. Ad oggi, CODICI ha attivato 7sportelli su tutto il territorio nazionale che presto diventeranno 8.

In circa 2 anni di attività l’Associazione ha ricevuto una media 28 telefonate al mese per un totale di 672 contatti. Il 72% delle telefonate proviene da donne che descrivono dettagliatamente i loro stalkers, permettendo agli operatori dell’Associazione di tracciare un identikit: il 50% dei vessatori sono i respinti, quindi gli ex mariti, compagni o fidanzati. I restanti si dividono tra coloro che sono corteggiatori "inadeguati", i bisognosi di affetto, i molestatori di intimità, i molestatori rancorosi cioè quelli che diventano violenti e i predatori, quelli che per una conquista farebbero davvero di tutto.

Tra i casi seguiti dal CODICI, si contano una quindicina di casi conclamati e nel 90% le vittime sono proprio le donne. Tra le varie storie quella più difficile che stiamo seguendo vede come protagonista una donna che è stata malmenata e violentata dal suo convivente. Questa donna rischia la sua vita in ogni momento. In corso ci sono ancora delle indagini a seguito dell’ ennesima denuncia che la vittima ha sporto qualche mese fa. "Dato il fenomeno sempre più crescente dello stalking – commenta il Segretario Nazionale del CODICI , Ivano Giacomelli – Codici crede nell’esigenza di continuare l’attività avviata, sensibilizzando e intervenendo concretamente nella lotta contro la violenza con l’apertura di nuovi sportelli. Il decreto legge, 612-bis è stato sicuramente una grande conquista, in quanto ha aiutato molte persone ad uscire allo scoperto e a denunciare anni di sofferenze".

Comments are closed.