DIRITTI. Caso Englaro: Corte europea di Strasburgo respinge ricorso di associazioni cattoliche

La Corte europea per i diritti dell’uomo ha respinto, giudicandolo "irricevibile", il ricorso presentato da diverse associazioni italiane contro la sentenza della Corte d’appello di Milano che aveva autorizzato la sospensione dell’alimentazione e dell’idratazione artificiale a Eluana Englaro, in coma vegetativo da 17 anni. Il ricorso era stato presentato un mese fa da alcune associazioni cattoliche di parenti, amici e medici di malati in stato vegetativo o gravemente disabili, e da un’organizzazione per i diritti umani che chiedevano l’annullamento delle disposizioni, confermate dalla Cassazione.

La Corte europea respingendo il ricorso si è espressa a favore di Beppino Englaro che nei giorni scorsi ha lanciato un appello alla stampa e alla politica chiedendo una pausa di riflessione Inoltre i giudici di Strasburgo hanno precisato che "i ricorrenti non hanno nessun legame diretto con Eluana" e quindi non possono "essere considerati vittime dirette della sentenza".

 

Comments are closed.