DIRITTI. Commissione Ue: più fondi nel programma alimentare per gli indigenti

Aumentare di due terzi la dotazione di bilancio, portandola a 500 milioni di euro a partire dal 2009, e ampliare la scelta dei prodotti alimentari: sono le proposte fatte oggi dalla Commissione europea per migliorare l’attuale programma di distribuzione di derrate alimentari in favore degli indigenti nell’Unione europea. Le stime disponibili parlano infatti di oltre 43 milioni di persone in Europa a rischio di povertà alimentare: non possono permettersi un pasto con carne, pollo o pesce ogni due giorni.

Per la Commissione è dunque necessario aumentare la dotazione di bilancio perché l’aumento dei prezzi delle derrate alimentari si ripercuote negativamente sulla sicurezza alimentare degli indigenti e rende più costosa la fornitura di generi alimentari. Nel 2006 sono stati oltre 13 milioni i cittadini che hanno beneficiato di questo sostegno.

Dal 1987, anno di avvio del regime di aiuti, le scorte di eccedenze alimentari si sono ridotte, il numero di poveri è aumentato e negli ultimi tempi si sono impennati i prezzi dei generi alimentari. Per questo la Commissione, informa una nota, "ritiene indispensabile aumentare la spesa per questo regime e consentire in forma permanente l’acquisto di generi alimentari sul mercato aperto".

Comments are closed.