DIRITTI. Linea antiomofobia Gay Help Line compie due anni, quarantamila i contatti

Ha raggiunto i quarantamila contatti, oltre duemila al mese, ed effettuato centinaia di consulenze psicologiche, mediche e legali gratuite. Gay Help Line, il numero verde nazionale (800 713 713) contro l’omofobia e la transfobia del Comune di Roma, compie due anni e lancia per il 2008 una nuova campagna di comunicazione rivolta a docenti, genitori e gay disabili.

In due anni – dichiara una nota di Gay Help Line – l’iniziativa ha raggiunto quarantamila contatti: le telefonate riguardano soprattutto il sostegno per il coming out e la segnalazione di problemi in famiglia. Si tratta di un progetto, patrocinato da Regione Lazio e Provincia di Roma, che coinvolge Arcigay Roma, la CGIL Roma e Lazio – Ufficio Nuovi Diritti, NPS – Network Persone Sieropositive, ArciLesbica Roma, CittadinanzAttiva, Tribunale per i Diritti del Malato, Medicina Solidale, GayNet e dedicato a Paolo Seganti, ucciso perché gay nella notte tra l’11 e il 12 luglio 2005 nei pressi del parco delle Valli a Roma.

"Gay Help Line vive grazie ai suoi operatori e consulenti, tutti volontari molto qualificati – ha affermato Fabrizio Marrazzo, presidente di Arcigay Roma e responsabile del servizio -Si tratta di una scelta ben precisa, che rappresenta il nostro punto di forza perché in questo modo riusciamo a investire tutti i finanziamenti pubblici in servizi e ad attrarre personalità sensibili al tema della qualità professionalità, grande determinazione e capacità di ascolto sono gli ingredienti che stanno alla base del nostro lavoro". Il responsabile chiede però maggior sostegno: "Per il futuro bisognerà trovare altre sinergie, con altri Enti, abbiamo la necessità che l’esistenza e i servizi di Gay Help Line vengano sostenuti maggiormente anche con più sportelli sparsi sul territorio, ad esempio in ogni Municipio e nei principali comuni della provincia, per essere realmente vicini alle vittime di discriminazione".

Comments are closed.