DIRITTI. Tar Lombardia accoglie ricorso di Beppino Englaro

Ultimi sviluppi per la vicenda Eluana Englaro. Poche ore fa il Tar della Lombardia ha annullato il provvedimento preso dalla Regione Lombardia, con cui si negava la possibilità di eseguire, nelle strutture della Regione, la sospensione dell’alimentazione e dell’idratazione artificiali alla ragazza in stato vegetativo da 17 anni. Il Tar ha dunque accolto il ricorso di Beppino Englaro, il padre di Eluana, contro tale provvedimento.

"E’ una vittoria del diritto contro l’arroganza e l’invadenza della politica nella vita delle persone e delle famiglie". Questo il commento del presidente del Movimento Difesa del Cittadino (MDC), Antonio Longo, alla notizia della sentenza del Tar Lombardia sul caso Englaro. "Adesso – continua Longo – bisogna attaccare l’ordinanza Sacconi, ottenendo che anche questo atto venga annullato".

Il Movimento Difesa del Cittadino ha conferito mandato all’avvocato Gianluigi Pellegrino per ricorrere al Tar Lazio contro la direttiva Sacconi che impone alle Regioni e alle ASL di non permettere la sospensione della nutrizione forzata, prendendo a pretesto il caso di Eluana Englaro.

I motivi e i contenuti del ricorso verranno esposti in una conferenza stampa che si terrà giovedì 29 a Roma, alle ore 12 presso la Sala Cristallo dell’Hotel Nazionale in Piazza Montecitorio. Interverranno:

  • il presidente nazionale MDC Antonio Longo
  • l’avv. Gianluigi Pellegrino
  • Associazione Luca Coscioni
  • parlamentari delle Commissioni Affari sociali della Camera e del Senato.

Comments are closed.