DISABILI. Piemonte, in arrivo 2 mln di euro per strumenti tecnologici di ausilio

Personal computer ed altri prodotti tecnologici per aiutare i soggetti disabili nella vita quotidiana. La Regione Piemonte ha deciso di stanziare 2 milioni di euro per l’acquisto di strumenti capaci di supportare i portatori di handicap fisici e sensoriali. Lo ha annunciato la presidente della Regione Mercedes Bresso, dopo l’approvazione della delibera della Giunta per il triennio 2007-2009.

Tra i diversi strumenti tecnologici che saranno finanziati dalla Regione, ci saranno i computer destinati ai soggetti affetti da sclerosi, gli strumenti di lettura per gli ipovedenti e i dispositivi che traducono alcune piccole motilità residue (degli occhi, delle dita o della testa) in una voce artificiale, che consente di comunicare con gli altri. "Il miglioramento della qualità della vita – ha dichiarato la presidente Mercedes Bresso – delle persone disabili e delle loro famiglie, anche attraverso la fornitura di strumenti tecnologicamente avanzati, costituisce un obiettivo fondamentale di questa amministrazione".

Beneficiari del provvedimento sono i cittadini riconosciuti come "persone disabili in stato di gravità", minori o adulti, residenti in Piemonte. "Il Nomenclatore tariffario delle protesi e degli ausili tecnici del Ministero – prosegue Bresso – è stato aggiornato l’ultima volta nel 1999. Le tecnologie rivolte specificatamente ai disabili che si sono rese disponibili negli ultimi anni non sono pertanto comprese nell’elenco dei dispositivi erogati dal Servizio sanitario nazionale, limitando le possibilità di autonomia e interazione sociale delle persone interessate. Di qui la decisione della Regione di intervenire con fondi aggiuntivi propri, per garantire ai disabili piemontesi d’utilizzo dei migliori strumenti disponibili".

Ogni soggetto potrà usufruire di un finanziamento massimo pari a 1.500 euro, in via sperimentale per il 2007, salvo condizioni di particolare gravità che richiedano un aumento della somma erogata. La domanda con la relativa documentazione dovrà essere presentata presso l’Ufficio assistenza protesica distrettuale competente per territorio. La Regione Piemonte, insieme alle Aziende sanitarie regionali, avvierà una campagna informativa sul contributo, anche attraverso la rete delle ausilioteche.

 

Comments are closed.