DISABILITA’. L’Ue discute sul futuro della politica europea sui disabili

Il 3 dicembre si celebra la Giornata europea delle persone disabili e la Commissione Ue ha aperto oggi la conferenza "Agire localmente per una società per tutti"che si svolge a Bruxelles oggi e domani. I principali attori del settore si riuniscono nella capitale europea per discutere sul futuro da dare al piano d’azione comunitario a favore delle persone disabili, che scade nel 2010.

"Oltre 50 milioni di europei soffrono di una disabilità – ha dichiarato Vladimír Špidla, Commissario Ue alle pari opportunità – Esistono già norme europee che offrono una protezione contro le discriminazioni sul lavoro nei confronti delle persone disabili. In realtà, spesso queste persone devono ancora affrontare situazioni difficili. Non ci sono norme comunitarie che le tutelino al di fuori dell’ambito lavorativo ed è questo uno dei motivi per i quali la Commissione ha presentato nello scorso luglio una proposta di direttiva che intende assicurare una tutela contro le discriminazioni per ragioni legate alla disabilità, all’età, alla religione e all’orientamento sessuale nell’accesso ai beni e ai servizi, alle prestazioni previdenziali, all’istruzione e all’assistenza sanitaria.

È una proposta ambiziosa – ha concluso Spidla – e conto sul sostegno attivo della comunità delle persone disabili perché si possa giungere alla sua approvazione il più rapidamente possibile."

Una delle principali questioni su cui si discute è la convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità, che è entrata in vigore nel maggio 2008 e le cui ripercussioni nell’Unione europea e nel mondo intero saranno rilevanti. In agosto la Commissione ha presentato una proposta per la conclusione della convenzione.

Le disposizioni della convenzione dovranno però essere attuate principalmente sul piano locale ed è soprattutto di questo che si discuterà nella conferenza. Ad esempio, si tratterà di vedere come i Fondi strutturali europei possano intervenire, finanziando azioni di formazione e infrastrutture accessibili, a favore delle persone disabili.

La conferenza è organizzata in collaborazione con il Forum europeo della disabilità e ha il sostegno della campagna europea "Per la diversità. Contro la discriminazione", che si propone di informare i cittadini sui loro diritti e doveri e di sensibilizzarli alle questioni della discriminazione e in generale agli aspetti positivi della diversità.

Comments are closed.