DISABILITA’. Milano, presentato progetto per primo parco giochi senza barriere architettoniche

In occasione della XVIII Giornata mondiale dell’Infanzia, che si celebra il 20 novembre, la Fondazione Riccardo Catella, insieme all’Assessorato Arredo, Decoro urbano e Verde e all’Assessorato alla Salute del Comune, ha presentato ieri il progetto per il Parco dei diritti dei bambini, che darà vita alla prima area giochi in Italia accessibile a tutti i bambini, abili e diversamente abili, disegnato da sette designer di fama internazionale.

Antonio Citterio, Matalì Crasset, Stefano Giovannoni, James Irvine, Alberto Meda, Gabriele Pezzini, e Franco Raggi progetteranno giochi o installazioni ideati a partire dai diritti dei bambini sanciti dalla Convenzione Internazionale sui diritti dell’Infanzia approvata dall’ONU nel 1989, che dichiara: "Il bambino ha diritto al gioco, al riposo, al divertimento e a dedicarsi alle attività che più gli piacciono" (art. 31) e "Il bambino svantaggiato fisicamente o mentalmente deve vivere una vita completa e soddisfacente" (art. 23).

Il progetto, promosso dalla Fondazione Catella in collaborazione con Design Italia e l’Associazione L’Abilità Onlus, ha come obiettivo l’integrazione sociale tra bambini con differenti abilità attraverso il design e il verde offerti da un giardino pubblico.

Design-italia, il primo portale interamente dedicato al design, si occupa di attività editoriali e iniziative di promozione del design italiano: su richiesta della Fondazione Catella ha ideato e sviluppato il concept del progetto "Design for all" e ne segue il
coordinamento.

L’Abilità, che opera a Milano dal 1998 in favore delle persone con disabilità, supporterà i designer nell’applicazione delle regole del "Design for all" per la progettazione di giochi che possano essere facilmente fruibili anche da bambini con diverse tipologie di disabilità, sia temporanee sia
permanenti.

Il progetto ha identificato sette diritti significativi e facilmente traducibili in un oggetto:

1. diritto all’ozio
2. diritto a sporcarsi
3. diritto agli odori
4. diritto all’uso delle mani
5. diritto alla strada
6. diritto al selvaggio
7. diritto al silenzio

I sette progetti saranno poi trasformati in prototipi realizzati da aziende specializzate nella produzione di giochi sensoriali e scientifici. I prototipi saranno ambientati in un Percorso gioco dei diritti dei bambini che verrà installato all’interno del giardino pubblico
della Fondazione Riccardo Catella, in via De Castillia 28 a Milano.

L’assessore all’Arredo, Decoro urbano e Verde Maurizio Cadeo ha commentato: "Il nostro obiettivo da amministratori è di rispondere alle esigenze dei cittadini. Con questo progetto, unico nel suo genere in Italia, vogliamo offrire a tutti i bambini, anche a coloro che hanno difficoltà a muoversi
liberamente, la possibilità di giocare in sicurezza. Il parco sarà un primo passo sicuramente da riproporre nella nostra città e in tutta Italia".

"Questo sarà un parco in cui i bambini sono tutti uguali, senza ostacoli e senza differenze", ha aggiunto l’assessore alla Salute Carla De Albertis. "Grazie al gioco e al movimento nel verde ogni bambino potrà esprimersi e comunicare secondo le proprie capacità, iniziando così un processo di integrazione sin dalla tenera età".

Comments are closed.