E-GOV. Lazio, i cittadini partecipano via internet all’economia della regione

Prendere parte all’attività dell’amministrazione. Da ieri i cittadini laziali hanno uno strumento innovativo per far sentire la propria voce nelle scelte economico-finanziarie locali. E’ stata infatti inaugurata una piattaforma on-line, accessibile dal sito della regione, all’interno della quale si trova uno spazio per scrivere emendamenti e osservazioni relative al documento di programmazione economica e finanziaria regionale (Dpefr).

"Il processo partecipato – ha detto l’assessore al bilancio, Luigi Nieri – è stato avviato in via sperimentale lo scorso anno. Fu la prima volta per il Lazio e la prima volta per una Regione italiana. E’ un modo per aprirsi al confronto e pensare a un processo più democratico possibile". L’iniziativa si aggiunge agli incontri con le varie realtà delle cinque province laziali, per far partecipare cittadini e associazioni alla stesura del testo. Tutti gli incontri svolgeranno nelle sedi delle Province. Il primo è previsto per domani a Frosinone. Poi il 14 luglio a Rieti; il 17 a Roma; il 18 a Viterbo; il 19 a Genoano; il 20 a Latina; il 21 a Formia; il 24 alla facoltà di architettura dell’Università Roma Tre; il 26 a Guidonia; il 27 a Cassino; il 28 a Civitavecchia.

Possono presentare proposte per il documento partecipato tutti i cittadini residenti nel Lazio che abbiano compiuto i 16 anni. Entro le ore 12 del 4 agosto sarà possibile inviare le osservazioni, che dovranno essere al massimo 10. Tutte le idee proposte saranno raccolte in un "Documento della partecipazione", in base al quale la Giunta potrà modificare la proposta del Dpefr. Le proposte di modifica dei cittadini verranno poi trasmesse al Consiglio regionale, al quale spetterà l’approvazione del testo definitivo.

 

 

 

Comments are closed.