E-GOV. Portali ricerca lavoro poco accessibili. Indagine Formez – Censis

Non è facile trovare il lavoro attraverso i siti internet delle amministrazioni pubbliche. Le informazioni sono frammentate in tanti portali e solo il 50% delle Regioni italiane fornisce ai cittadini portali per la ricerca dell’impiego con un livello minimo di accessibilità. L’occasione per fare il punto sui siti più cliccati dai giovani in ricerca del lavoro è una indagine realizzata da Formez e Censis per misurare la facilità di ‘navigazione’ sui portali specializzati di Province e Regioni.

Lo studio mette in luce che il livello di accessibilità dei portali analizzati è basso, "nonostante la sempre più diffusa consapevolezza dell’importanza di rendere accessibili i propri siti". Ma quello dell’accessibilità è solo uno dei quattro parametri presi in considerazione dall’analisi. Gli altri sono il livello di informazioni fornite, la relazionalità dei portali (collegamenti esterni) e i servizi alla persona e alle imprese. In merito ad ognuno di questi 4 livelli è stato dato a ciascun portale un punteggio che va da zero a 100.

  • Accessibilità: solo 8 regioni su 16 delle regioni esaminate e solo il 37% delle province possiedono siti accessibili al livello minimo attualmente definito dalle varie linee guida e dalla normativa non sono la maggioranza.
  • Informazioni fornite: la presenza di informazioni sui Centri per l’impiego operanti sul territorio è completa nel 75% dei siti web provinciali analizzati. Nel 56% dei casi vengono fornite anche brochure spesso divise per target di utenza. Servizi alla persona e alle imprese: servizi pienamente interattivi sono presenti, per il cittadino, nel 24,7% dei siti provinciali e per le imprese nel 37% dei casi. Si tratta di numeri piuttosto alti nel mondo dei servizi on line. I servizi alle imprese sono i più diffusi, anche perché la risposta da parte delle imprese è generalmente massiccia.
  • Relazionalità: se il 42,5% dei siti provinciali non ha un gran numero di link in entrata (quindi si tratta quasi esclusivamente dei link provenienti dal sito della provincia e della regione), quasi il 15,1% ha più di 199 link in entrata, segno di una maggiore capacità comunicativa. Sono Emilia Romagna, Molise e Campania le regioni che offrono i servizi online per l’impiego migliori, ottenendo quindi i punteggi più alti (punteggio dato dalla media dei valori ottenuti nei 4 parametri sopraindicati).

 

Comments are closed.