E-GOV. Pubblica Amministrazione: i siti internet superano quota mille

Il numero dei siti internet della Pubblica Amministrazione è ormai arrivato a quota 1025. E aumentano i visitatori che nel 2006 sono stati oltre quattrocento milioni. Ma la funzione di "vetrina" è ancora prevalente rispetto a quella di "servizio" e solo il 30% dei siti è accessibile ai disabili. "La Pubblica Amministrazione centrale, con i suoi 1025 siti e portali web, dispone di un enorme patrimonio informativo, ma il numero dei servizi forniti a cittadini e imprese in modalità telematica è ancora scarso e soprattutto c’è molto lavoro da fare per garantire una effettiva trasparenza": è quanto ha detto il Sottosegretario Beatrice Magnolfi nel corso dei lavori della Conferenza permanente per l’innovazione tecnologica nella Pubblica Amministrazione centrale.

I dati, aggiornati al 2006, sono stati forniti dal Cnipa: rispetto all’anno precedente il numero dei siti di tutto il settore statale è cresciuto del 7%, passando da 952 a 1025 e si registra un incremento costante dei visitatori (da 366 a 405 milioni).Tuttavia la funzione di "vetrina" è ancora largamente prevalente rispetto a quella di servizio: soltanto il 10% dei siti fornisce almeno un servizio di transazione mentre solo il 30% è accessibile ai disabili. E rispetto ai contenuti è ancora limitata l’applicazione del Codice dell’Amministrazione Digitale. "La comunicazione pubblica via web – ha detto il Sottosegretario Magnolfi – è una grande leva per cambiare la Pubblica Amministrazione, per renderla più semplice e più vicina ai cittadini. Perché non sia un’occasione sprecata occorre rispettare dei livelli minimi in relazione alla trasparenza e all’offerta dei servizi".

Comments are closed.