E-Gov, Nicolais: “Presto carta onnicomprensiva”

"La democrazia in digitale", è questo il titolo che la Provincia di Roma ha dato al convegno che si è tenuto questa mattina a Roma con l’obiettivo di riaffermare la volontà dell’ente a contrastare il digital divide e ad aumentare contemporaneamente la partecipazione attiva dei cittadini ai processi democratici. "La democrazia ha bisogno dell’innovazione tecnologica che, a sua volta è possibile attraverso un programma di investimenti. Per questo – spiega Vincenzo Maria Vita, assessore alle politiche culturali della comunicazione e dei sistemi informativi della Provincia di Roma – è necessario che il nuovo governo si impegni ad investire di più nell’innovazione tecnologica".

L’auspicio sembra trovare un interlocutore. Il Ministro per le Riforme e l’Innovazione nella Pubblica Amministrazione, Luigi Nicolais, ha annunciato che: "Entro un paio d’anni la Pubblica Amministrazione potrebbe fornire al 50% dei cittadini italiani una nuova carta unica onnicomprensiva, che conterrà cioé dentro la carta sanitaria, la carta dei servizi e ad esempio anche gli elementi per risalire alla patente. Sarà un documento che "semplificherà la vita a tutti noi: potrebbe ad esempio servire – ha detto il ministro – a non portarci appresso la patente".
Nicolais ha assicurato che il ministero comincerà subito a lavorare a questo progetto "anche se sarà un processo lungo. Ritengo però – ha promesso – che nel giro di un paio di anni noi potremo pensare al 50% di italiani con la carta unica per poi concludere la legislatura a quota 90%".

A dimostrazione della attenzione che la Provincia riserva alla tematica delle nuove tecnologie è il progetto, cofinanziato dal Cnipa, di e-democracy PRODEAS (PROvincia Digitale E Accesso Sociale). I1 progetto PRODEAS nasce dalla volontà della Provincia di Roma di coinvolgere le parti sociali nella definizione delle policies di promozione dell’innovazione digitale finalizzate allo sviluppo della competitività territoriale. Concretamente, il progetto Prodeas prevede la realizzazione di un portale specifico della Provincia di Roma (denominato www.provinciadigitale.roma.it) interamente dedicato alla partecipazione dei cittadini e in particolare alla concertazione tra la Provincia e le entità interessate presenti sul territorio a definire i dettagli del Piano di Innovazione Digitale.

Il PID si prefigge di creare le condizioni per cui la diffusione delle tecnologie digitali sia il driver fondamentale dello sviluppo della competitività del territorio integrando, in modo sistemico, infrastrutture, servizi e partecipazione. Esso si traduce in un complesso di iniziative volte alla diffusione della banda larga, allo sviluppo dell’e-gov, all’allargamento della cittadinanza digitale tramite la formazione continua e nuove forme di democrazia elettronica.

Gli obiettivi che si pone il progetto PRODEAS, sono essenzialmente tre:

  • Fare in modo che le entità individuate e censite (o autocensite) siano in grado di creare attraverso il meccanismo della sussidiarietà un riscontro a livello di cittadinanza, in modo particolare nei comuni piccoli e decentrati
  • Fare in modo che si sviluppino associazioni nuove nelle realtà locali con il preciso scopo di entrare nell"’anello partecipativo" che verrà creato dal progetto PRODEAS e di generare condivisione al loro interno e all’esterno
  • Raggiungere con una pluralità di canali (mail, posta ordinaria, newsletter telematica e cartacea), i cittadini attraverso queste entità per informarli dell’andamento del processo deliberativo e per raccogliere istanze.

Lo scopo del progetto PRODEAS è per l’appunto quello di avviare un meccanismo ben focalizzato di concertazione on line al fine di condividere con le entità e le aggregazioni sul territorio le componenti essenziali delle politiche di sviluppo digitale.

L’attività centrale della prima fase del progetto è quella dell’identificazione delle associazioni, delle entità e dei gruppi di realtà territoriali che dovranno partecipare ai vari livelli e nei vari stadi del processo di concertazione nel quadro della struttura multilayer.

 

Comments are closed.