ECONOMIA. BCE diffonde bollettino settembre: “Preoccupazione per conti italiani”

L’Italia risulta ancora tra quei paesi europei (insieme a Germania, Grecia, Francia e Portogallo) nei quali "l’evoluzione dei conti pubblici resta fonte di particolare preoccupazione". Lo sottolinea la Banca Centrale Europea nel bollettino mensile di settembre aggiungendo in particolare che nella definizione della Finanziaria per il 2007 "l’Italia e il Portogallo dovranno intraprendere importanti azioni di risanamento al fine di rispettare gli impegni presi e ridurre il disavanzo al di sotto del 3 per cento del Pil rispettivamente nel 2007 e al più tardi nel 2008". Per questo, secondo la Banca Centrale Europea, occorreranno "significative misure supplementari". Tuttavia si sottolinea che "conforta la volontà dei governi italiano e portoghese di onorare gli impegni assunti".

La Bce invita inoltre i Paesi dell’euro, alle prese con i programmi di bilancio per il 2007, a sfruttare la favorevole situazione economica per risanare i propri bilanci e per questo si chiede non solo di applicare "con rigore" le manovre di finanza pubblica per il 2006 anche in questa ultima parte dell’anno ma anche di definire programmi di bilancio per il 2007 "sufficientemente ambiziosi".

Infine la Banca centrale conferma che ci saranno nuovi rialzi dei tassi ed aggiunge
che "intervenire con tempestività per limitare i rischi sul fronte della stabilità dei prezzi resta fondamentale al fine di assicurare che le aspettative di inflazione nell’area euro siano mantenute saldamente ancorate a livelli coerenti con la stabilità dei prezzi".

Per consultare il bollettino clicca qui

 

 

 

Comments are closed.