ECONOMIA. BCE: inflazione sopra al 3% per tutto il 2008

Il tasso di inflazione dell’area euro è rimasto per tutti i mesi del 2008 al di sopra del 3%, risentendo principalmente dell’aumento dei prezzi di energia e alimentari. Le previsioni della Banca Centrale Europea per i prossimi mesi non sono ottimiste: i prezzi al consumo dovrebbero restare sopra il 3% per tutto il 2008. E’ quanto si legge nel bollettino di giugno, pubblicato oggi dalla BCE, in cui si prevede un possibile calo graduale del tasso di inflazione nel corso del 2009. Quindi la realtà ha smentito l’ottimismo delle precedenti previsioni e "nell’orizzonte di medio periodo le prospettive per la stabilità dei prezzi restano chiaramente soggette a rischi al rialzo e questi ultimi sono ulteriormente aumentati". L’Italia, insieme a Francia, Grecia e Portogallo, deve "accelerare gli sforzi di consolidamento", avendo un margine di manovra quasi nullo perché sono già vicini al valore del 3. Sebbene la BCE continui a sostenere che "le variabilii fondamentali dell’area euro restano solide, non presentando squilibri di rilievo", l’allerta da parte dell’istituto di Francoforte si è fatta più alta.

Comments are closed.