ECONOMIA. Crisi economica, Draghi: “Calano i consumi delle famiglie”

Il Governatore della Banca d’Italia Mario Draghi in audizione al Senato evidenzia come la crisi economica colpisca le famiglie con un calo dei consumi. "Dopo il calo del Pil nel secondo trimestre i più recenti indicatori confermano segnali negativi per i prossimi trimestri – ha detto oggi il Governatore in audizione al Senato – Calano i consumi delle famiglie sotto il peso dell’erosione del reddito disponibile, a causa dell’inflazione e dell’aumento del servizio al debito".

Per Draghi le ripercussioni della crisi vanno al di là del sistema bancario e le banche hanno fronteggiato la crisi con un modello "fondamentalmente sano". "Le ripercussioni della crisi vanno ben al di là del sistema bancario – ha detto il Governatore – Famiglie e imprese sono compite sia direttamente, per la perdita di valore dei titoli Lehman che esse detengono, sia indirettamente a causa delle prospettive di una restrizione del reddito conseguente alle tensioni finanziarie del momento". Per Draghi, "le banche italiane hanno fronteggiato la crisi che ha investito con crescente violenza il sistema finanziario mondiale a partire dall’estate del 2007 potendo contare su un modello di attività fondamentalmente sano".

Comments are closed.