ECONOMIA. Crisi, le proposte di Federconsumatori e Adusbef per una redistribuzione dei redditi

L’Italia è un paese in crisi e lo dimostrano tutti i principali indicatori economici: dall’andamento dei consumi (-6,5% negli ultimi 3 anni) al tasso di disoccupazione ancora oltre l’8%, dalla caduta del credito al consumo (-5,3% a consuntivo 2010) alle stime sempre più striminzite del PIL nel 2011 e 2012. "La situazione economica italiana, come emerge chiaramente da questi dati, richiede interventi e misure urgenti per rilanciare la domanda di mercato interna, aumentando il potere di acquisto delle famiglie, senza sconvolgere la finanza pubblica – dichiarano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, Presidenti di Federconsumatori e Adusbef – Quella che rivendichiamo da tempo, infatti, è un’operazione di redistribuzione del reddito, anche attraverso misure solidaristiche e a vantaggio esclusivamente delle famiglie a reddito fisso (anche ponendo un tetto di 24.000 euro)".

Secondo i Presidenti si tratta di "un primo intervento urgente e necessario, in attesa che venga fatta una più compiuta riforma fiscale". "La platea interessata da tale misura è una fascia ben determinata: quella che maggiormente ha sofferto e continua a soffrire la crisi economica, ma anche quella stessa fascia che maggiormente determina la domanda di mercato. Solo ed esclusivamente per queste famiglie, quindi, è necessario disporre una detassazione per 1.200 euro annui le cui risorse vanno acquisite attraverso: una strenua lotta all’evasione fiscale, una tassazione delle rendite finanziare al 20% e una tassazione dei grandi patrimoni, infine, una quota solidaristica da parte degli alti redditi oltre i 100.000 euro".

Comments are closed.