ECONOMIA. Federconsumatori e Adusbef: serve determinazione per uscire dalla crisi

"Continuano ad esserci segnali estremamente preoccupanti dello stato in cui versa l’economia nel nostro Paese". Lo sostengono Federconsumatori e Adusbef che elencano i segnali negativi: "forte contrazione dei consumi nel settore alimentare e in quello industriale; prodotto interno lordo con cali di oltre il 4%; cassa integrazione dilagante; aumento del tasso di disoccupazione e chiusura di migliaia di esercizi commerciali".

"Dovrebbe essere chiaro ed evidente a tutti, che la crisi economica, è crisi da domanda e non da offerte di mercato", spiegano le Associazioni, "Eppure nessuno sembra farsene carico".

"E’ necessario agire in maniera molto determinata, attraverso processi economici che amplino la capacità di acquisto delle famiglie e maggiormente verso quelle che reddito non hanno, sia attraverso processi di detassazione del reddito fisso di almeno 1.200 euro all’anno e sia attraverso assegni di disoccupazione per chi non ha lavoro o per chi si è trovato disoccupato e senza cassa integrazione. Solo così si potrà dare un serio contributo alla svolta necessaria nel Paese – dichiarano Rosario Trefiletti e Elio Lannutti – altrimenti non si và da nessuna parte".

Comments are closed.