ECONOMIA. L’Eurostat stima un’inflazione al 3,0% per la zona euro

Secondo la stima rapida, pubblicata oggi dall’Eurostat, il tasso di inflazione annuale della zona euro si è stabilito al 3,0% nel mese di novembre 2007. Nel mese d’ottobre il tasso era del 2,6%.
L’inflazione della zona euro si misura con l’Indice dei prezzi al consumo dell’Unione Monetaria. L’Eurostat utilizza le informazioni preliminari sui prezzi del mese di riferimento degli Stati membri per i quali i dati sono disponibile. Le procedure di stima rapida combinano le informazioni storiche con quelle parziali sulle variazioni recenti dei prezzi, in modo da ottenere un indice totale per la zona euro. L’esperienza ha dimostrato che tale procedura è attendibile: in 17 casi le anticipazioni del tasso di inflazioni sono state esatte, mentre in 7 casi negli ultimi 2 anni variavano dello 0,1%.

Per quanto riguarda il Pil, l’Eurostat ha verificato per il terzo trimestre del 2007, un aumento dello 0,7%nella zona euro rispetto al trimestre precedente che ha visto un aumento dello 0,3%. Rispetto al terzo trimestre del 2006, il Pil corretto delle variazioni stagionali della zona euro ha registrato una crescita del 2,7%. Gli Stati Uniti, per il terzo trimestre del 2007, hanno registrato una crescita dell’1,2%, e il Giappone dello 0,6%. Nella zona euro la spesa di consumo finale dei servizi è aumentata dello 0,5%; gli investimenti dello 0,9%; le esportazioni sono cresciute del 2,6% e le importazioni del 2,7%.

PREZZI. Inflazione, stime provvisorie Istat: a novembre sale al 2,4%

Comments are closed.