ECONOMIA. Per l’Italia la crisi continua fino al 2010: nel 2009 Pil a -0,2%. Stime del FMI

A confermare la gravità della crisi economica è arrivato oggi il Fondo Monetario Internazionale con le sue ultime stime pubblicate nel Regional Economic Outlook, dedicato all’Europa. Secondo il FMI l’Italia non ha previsioni rosee almeno fino al 2010, anzi è molto facile che vada in recessione, con una crescita negativa del Pil: -0,1% nel 2008 e -0,2% nel 2009. Il problema principale, secondo Alessandro Leipold, direttore del dipartimento europeo dell’Fmi, è la "bassa produttività". "La politica degli aiuti di Stato che l’Italia intende intraprendere non è la giusta direzione"; bisognerebbe invece "procedere più velocemente con le liberalizzazioni".

Comments are closed.