ECONOMIA. Rallenta export, Consumatori: urgente sostegno a domanda e investimenti

"Ad agosto 2010, rispetto allo stesso mese del 2009, le esportazioni aumentano del 32,6% e le importazioni del 44%. Il saldo commerciale con i paesi extra Ue risulta in deficit per 2.142 milioni di euro, in peggioramento rispetto al disavanzo (880 milioni di euro) dello stesso mese del 2009. Al netto della stagionalità, rispetto al mese di luglio 2010, le esportazioni risultano in flessione (meno 5,4%), mentre le importazioni registrano un aumento dell’1,8%". Sono le stime del commercio extra europeo rese note oggi dall’Istat, che vengono interpretate da Federconsumatori e Adusbef come un rallentamento dell’export che rende urgente misure di sostegno alla domanda interna e di rilancio degli investimenti.

Commentano infatti i presidenti Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti: "Già la situazione economica del Paese appariva estremamente preoccupante quando le esportazioni erano in ripresa, figuriamoci oggi che, persino queste, stanno rallentando". Per il rilancio dell’economia, affermano le due associazioni, "non ci si può affidare solamente alle esportazioni ed a manovre inique che non fanno altro che intaccare ulteriormente i redditi delle famiglie".

Le richieste: "Sono indispensabili misure tese a rilanciare la domanda di mercato, attraverso una detassazione del reddito fisso (per almeno 1200 euro annui) ed un blocco di prezzi e tariffe, e l’avvio di un sostegno agli investimenti per lo sviluppo tecnologico, che garantiscano la competitività del nostro Paese sul piano internazionale".

Comments are closed.