ECONOMIA. Stime Istat 2005: Pil a crescita zero nel Nord-Ovest, valori negativi al Centro e Sud

Nel 2005 la crescita del Pil è risultata nulla a livello nazionale rispetto al 2004; analogo risultato si è registrato nel Nord-Ovest e anche nelle altre ripartizioni territoriali gli andamenti si discostano di poco: nel Nord-Est il tasso di crescita è risultato pari allo 0,1%, mentre nel Mezzogiorno e nel Centro si è rilevata una diminuzione pari rispettivamente a -0,1%. e -0,2%. L’Istat ha oggi reso note le stime dei principali aggregati dei conti economici regionali.

La "crescita zero" dell’economia nord-occidentale è spiegata dall’andamento dell’attività agricola e dell’industria in senso stretto, settori nei quali il valore aggiunto in termini reali registra una flessione rispettivamente del 3,6% e 4,2%, a cui si contrappone l’incremento nel settore dei servizi (+1,6%) e in quello delle costruzioni (+2,8%). La lieve crescita dell’economia nordorientale (+0,1%) è la sintesi fra l’incremento del valore aggiunto nelle costruzioni (+1,3%) e nell’industria in senso stretto (+0,8%) e la flessione registrata in agricoltura (-2,1%) e nei servizi (-0,2%).

Al centro la diminuzione del Pil (-0,2%) è stata determinata dai risultati negativi in agricoltura (-5,6%), nelle costruzioni (-4,0%) e nell’industria in senso stretto (-2,3%), compensati soltanto in parte dal modesto incremento dei servizi (+0,6%). Nel Mezzogiorno a livello generale si rileva una diminuzione del Pil pari allo 0,1%, mentre a livello settoriale i risultati sono positivi per le costruzioni, il cui valore aggiunto cresce dell’1,0% (+ 0,5% nel Centro-Nord) e per i servizi (+0,8%, come nel Centro-Nord); dinamiche negative si registrano invece in agricoltura (-0,4% a fronte del -3,5% del Centro-nord) e nell’industria in senso stretto (-2,9% contro il -2,2% del resto del paese).

Per quanto riguarda la spesa delle famiglie per consumi finali, nel Nord-Ovest questo valore si riduce dello 0,1%, mentre nell’Italia nord-orientale e nel Mezzoggiorno la flessione è dello 0,2%. Diversa la situazione al centro dove si registra una crescita pari allo 0,3%.

 

Comments are closed.