ECONOMIA. Viceminsitro Visco: “In aumento le entrate erariali”

"Le entrate tributarie erariali sono cresciute del 10.3 % rispetto all’anno precedente (in cifra assoluta l’aumento è stato di 37.1 miliardi di euro) a fronte di una crescita annuale del PIL nominale pari al 4,1 % e di una crescita dei consumi domestici del 4.9 % (dati terzo trimestre 2006)". A rivelarlo viceministro dell’Economia, Vincenzo Visco che in una nel corso di una conferenza stampa sull’andamento delle entrate erariali 2006.

"L’aumento del tasso di crescita delle entrate si è manifestato a partire da maggio-giugno, in corrispondenza con l’insediamento ed i primi interventi del governo Prodi – ha aggiunto Visco – A giugno l’Italia è passata da tassi di crescita in linea con gli aggregati macroeconomici a tassi di crescita a due cifre, tassi che si collocano largamente al di sopra delle performance degli anni precedenti".

Per il viceministro questa tendenza delle entrate "comune anche ad altri paesi europei ma non paragonabile per dimensione e qualità, in Italia è dovuta ad una combinazione di quattro fattori. Il primo è la crescita dell’economia. Il secondo fattore è dato dagli effetti di gettito derivanti da alcuni provvedimenti del precedente governo, alcuni con carattere una tantum ed altri con carattere permanente. Il terzo è rappresentato da pagamenti eccezionali da parte di alcuni grandi contribuenti. Il quarto, importante fattore è il miglioramento, crescente a partire da maggio-giugno e per larga parte spontaneo, della tax compliance, cioè dell’adeguamento dei contribuenti. Un fenomeno evidente soprattutto per alcune specifiche imposte".

Comments are closed.