EDITORIALE. “Forum, c è un limite anche allo squallore” di A. Longo

Che si pieghino i fatti a fini propagandistici in politica non ci stupisce. Lo fanno un po’ tutte le parti in causa. Che se ne inventino altri sempre per gli stessi motivi è più riprovevole, perché i cittadini vengono disorientati e turlupinati, perché confondono meriti e responsabilità e votano senza una effettiva possibilità di valutazione delle scelte di chi governa. Che si stravolga e si deformi una realtà dolorosa e pesantissima per migliaia di famiglie e di una intera comunità è squallido e infame e andrebbe sanzionato duramente. Quello che è stato fatto nella trasmissione Forum condotta da Rita Dalla Chiesa (povero cognome…), magnificando la ricostruzione de L’Aquila e tacciando di irriconoscenza e di speculazione economica i cittadini di quella sfortunata città non è soltanto una clamorosa menzogna smentita dai fatti nudi e crudi e dalle inchieste in corso a carico della cricca che si è arricchita a spese dei terremotati e della collettività nazionale, lucrando soldi o favori sessuali. E’ anche un episodio di malaffare giornalistico, piegato maldestramente alle esigenze del padrone, che negli ultimi mesi, tra minorenni, processi e schiaffoni diplomatici internazionali versa in acque davvero cattive. Forse ci vorrebbe un intervento dell’Ordine dei giornalisti, ammesso che una messinscena come quella rappresentata possa chiamarsi informazione.

di Antonio Longo

Comments are closed.