EDUCAZIONE. Roma, sui banchi di scuola si studia il mondo agricolo

Biodiversità, specialità locali, sicurezza alimentare, difesa dell’ambiente. Sono questi i principali argomenti delle lezioni offerte quest’anno a 3.500 ragazzi di Roma e provincia in occasione dell’iniziativa "Campagna a scuola". In programma una serie di incontri per parlare ai ragazzi della vita rurale e della filiera produttiva, con l’aiuto di opuscoli informativi e giochi didattici. Il progetto, messo in atto in collaborazione con la Commissione europea (Direzione Generale Agricoltura e Sviluppo rurale) e ARM Azienda Romana Mercati (l’Azienda Speciale della Camera di Commercio di Roma per il settore agroalimentare), coinvolgerà insegnanti, famiglie e studenti istituti elementari e medi inferiori.

Linguaggio semplice, percorsi guidati in aziende agricole ed anche un concorso finale per premiare l’elaborato migliore sui temi trattati. Ma non è tutto. Per far apprezzare le produzioni locali ed i piatti della tradizione, scenderanno in campo 16 chef della Capitale e dell’entroterra romano, che presenteranno le proprie creazioni adattandole al palato dei più piccoli. Il progetto "Campagna a scuola costituisce "un’occasione importante – afferma Toni De Amicis, componente della Giunta della Camera di Commercio di Roma e Presidente ARM – per fornire ai bambini, futuri consumatori di domani, gli strumenti per affacciarsi ad osservare il mondo che c’è dietro l’acronimo PAC (Politica Agricola Comune ) con il coinvolgimento e il supporto degli insegnanti. Siamo abituati, infatti, a vedere ed a pensare alla politica agricola comune come a qualcosa di intangibile, distante dalla nostra quotidianità, mentre, in realtà, è dietro a tutte le nostre scelte alimentari, contribuisce alla salvaguardia del nostro ambiente e a garantire il benessere degli animali. Di fatto la PAC, tutelando l’esistenza degli agricoltori e garantendo la loro sopravvivenza, tutela la nostra esistenza e garantisce il nostro futuro".

Comments are closed.