ENERGIA. Approvato in Conferenza Stato-Regioni il nuovo Piano per l’efficienza energetica

Approvato ieri in Conferenza Stato-Regioni il Piano per l’efficienza energetica 2011 per l’Italia che, in continuità con il primo Piano, punta a ridurre i consumi del 9% entro il 2016 (126.540 Gwh/anno). Il Sottosegretario al Ministero dello Sviluppo Economico Stefano Saglia ha precisato che il piano punta verso 4 direzioni principali: "risparmi energetici in edilizia, sviluppo del meccanismo dei certificati bianchi, interventi tecnologici e organizzativi nel settore dei trasporti, efficienza energetica nell’industria e nei servizi".

Secondo il sottosegretario "bisogna puntare a stimolare comportamenti consapevoli e puntare sulle nuove tecnologie di produzione. Il piano è lo strumento per la nostra politica di efficienza ed è uno dei pilastri per creare la Strategia Energetica Nazionale". Il nuovo Piano prende in considerazione ulteriori settori come generazione e trasmissione di energia (settori non limitati agli usi finali) e l’attività in materia di efficienza di soggetti quali Regioni e i Comuni (Patto dei Sindaci), non presenti nel piano precedente.

I risultati conseguiti nel primo periodo (2007/2010) sono positivi, superando l’obiettivo del 33,8%. Infatti al traguardo intermedio del 2010 l’impegno era di realizzare un risparmio di 35.658 GWh/anno: sono stati invece raggiunti risparmi per 47.711 GWh/anno. Rilevante è stato il contributo del settore residenziale. Aree di miglioramento sono il settore terziario e quello dei trasporti. Le norme per il rinnovo del parco edilizio hanno contribuito per il 48% mentre la normativa sulle detrazioni del 55% per il 9,7%.

Il PAEE 2001 introduce un elemento di particolare rilievo quale l’esercizio di estensione del piano dal 2016 (come previsto dalla Direttiva) al 2020. L’obiettivo è mettere in relazione le politiche sulle Rinnovabili con le poltiche di efficienza energetica. Infatti il Pacchetto Clima-Energia ha gli obiettivi al 2020 e uno dei suoi obiettivi chiave riguarda l’efficienza energetica. Per l’Italia il Piano Azione Nazionale per le Rinnovabili al 2020 include ipotesi riguardanti l’efficienza. Considerato che la proiezione al 2020 del PAEE prevede il conseguimento di un risparmio di 184.672 GWh/anno, allora rispetto agli obiettivi del PAN è necessario un ulteriore risparmio pari a 12 MTEP (140.000 GWh/anno). Il Piano di Azione nazionale per l’efficienza energetica 2011 (2° PAEE) è previsto dalla Direttiva 32/06 come strumento di informazione per la Commissione Europea su programmi e risultati degli Stati Membri in materia di efficienza energetica negli usi finali dell’energia. Il primo PAEE è stato approvato nel 2007, prima del recepimento della Direttiva, e prevedeva un obiettivo di risparmio al 2016 del 9%, in linea con le indicazioni della Direttiva e un obiettivo intermedio del 3% al 2010

Comments are closed.