ENERGIA. Associazioni ambientaliste contro il Governo: “Vuole fare spazio a lobby nucleare”

"Il governo vuole bloccare fonti rinnovabili ed efficienza, le vere alternative pulite, per far spazio agli interessi della lobby nucleare": è quanto scrivono in una nota congiunta Legambiente, Greenpeace, WWF e Kyoto Club che contestano la posizione espressa dal Governo italiano sugli obiettivi europei del pacchetto climatico al 2020 e "criticano duramente il tentativo del Governo di ottenere più tempo e flessibilità nell’attuazione del pacchetto clima studiato dalla Ue, proprio mentre il Parlamento Europeo ha rafforzato gli impegni sul clima globale".

Per le associazioni il Governo ha parlato solo di costi e non di investimenti e quando "dice che l’Italia è già efficiente mente, sapendo di mentire: qualcuno crede che le tecnologie usate in Italia sono le più efficienti dei Paesi industrializzati? Confondere intensità energetica con l’efficienza è il vecchio trucco per giustificare l’inazione", scrivono le associazioni, per le quali energie rinnovabili ed efficienza energetica rappresentano "l’economia reale del sistema energetico".

"La verità è che se si sommano gli obiettivi europei sulle rinnovabili, il piano per l’efficienza energetica e gli investimenti nel campo del gas naturale, in Italia non c’è spazio anche per il nucleare – affermano le associazioni – Con efficienza e fonti rinnovabili si raggiungono i 150 miliardi di kWh/anno contro i 50-55 del piano nucleare, il triplo dell’energia e senza dover nuclearizzare il territorio".

Comments are closed.