ENERGIA. Autorità, partono controlli sul servizio telefonico di pronto intervento delle imprese

Chiamate telefoniche a campione ai numeri di pronto intervento dei distributori di gas, per verificare il funzionamento del servizio di tutela della sicurezza: è l’iniziativa lanciata dall’Autorità per l’energia elettrica e il gas in collaborazione con la Guardia di Finanza. L’Autorità ha infatti avviato una campagna di controlli nei confronti di 50 distributori di gas con l’obiettivo di verificare il corretto funzionamento del servizio di pronto intervento, a tutela della sicurezza dei consumatori. L’iniziativa si propone di migliorare ulteriormente l’affidabilità della rete di distribuzione del gas, di ridurre i disservizi e rafforzare la prevenzione rispetto al rischio di incidenti.

I controlli si svolgeranno attraverso chiamate telefoniche "campione" al servizio di pronto intervento dei distributori, in collaborazione con le Unità Speciali della Guardia di Finanza, per verificare l’applicazione da parte delle imprese delle disposizioni fissate dall’Autorità che prevedono, ad esempio, l’obbligo di funzionamento continuativo 7 giorni su 7, 24 ore su 24, e la risposta da personale qualificato. Ci saranno anche sopralluoghi nelle sedi delle aziende.

L’Autorità ha inoltre ordinato a 19 imprese distributrici di gas di ottemperare, entro il 31 marzo 2009, a quanto disposto dalla Regolazione della qualità servizi di distribuzione e misura del gas in materia di attivazione di recapiti telefonici per il pronto intervento. Secondo la normativa, le imprese devono attivare uno o più recapiti telefonici con linea fissa, dedicati esclusivamente al servizio, con risposta diretta di un operatore, senza necessità di comporre altri numeri telefonici. E’ invece risultato che 12 imprese si sono limitate a fornire solo numeri di telefonia mobile e 7 hanno fornito sia recapiti di rete fissa che di rete mobile, con il rischio di creare confusione tra gli utenti che avessero chiamato per segnalare una situazione di potenziale pericolo.

Comments are closed.