ENERGIA. Autorità e Guardia di Finanza: i controlli aumenteranno del 20%

Aumentano del 20% gli accertamenti a tutela dei consumatori nel settore dell’energia elettrica e del gas. L’Autorità per l’energia elettrica e il gas e il Comando Reparti Speciali della Guardia di Finanza intensificheranno infatti le attività di vigilanza e controllo a tutela dei consumatori: è quanto prevede il Piano degli accertamenti per il 2009, approvato in occasione del periodico incontro tra i vertici dell’Autorità e del Comando Reparti Speciali della Guardia di Finanza. Il Piano prevede aumento del 20% degli accertamenti svolti dall’Autorità in collaborazione con le Unità Speciali delle Fiamme Gialle, con 129 verifiche ispettive, a fronte delle 107 effettuate nell’ambito del programma annuale precedente. Le attività consistono nelle verifica delle condizioni di fornitura dei servizi di pubblica utilità.

In particolare, informano AEEG e Guardia di Finanza in una nota congiunta, con il nuovo Piano degli accertamenti per il 2009, saranno intensificati gli interventi di:

  • vigilanza sul divieto di traslazione dell’addizionale Ires sui prezzi al consumo, di cui alla Legge 133/08, la c.d. "Robin Hood Tax";
  • verifica del possesso dei requisiti di affidabilità patrimoniale e finanziaria dichiarati dalle società iscritte all’"elenco venditori" del mercato libero dell’energia elettrica;
  • controllo del rispetto, da parte delle imprese distributrici di gas, degli obblighi di servizio introdotti dall’Autorità in tema di pronto intervento gas;
  • vigilanza sulla corretta applicazione del trattamento orario e sull’effettiva messa a disposizione dei dati di prelievo alle imprese di vendita da parte delle imprese di distribuzione di energia elettrica per i punti in bassa tensione (domestici e piccole imprese);
  • verifiche sulla corretta applicazione delle direttive per la separazione amministrativa e contabile (unbundling) da parte delle imprese dei settori regolati.

Sarà inoltre data continuità agli interventi sulle aree che riguardano le tariffe di distribuzione elettrica e gas per accertare la corretta applicazione della normativa tariffaria; gli impianti di produzione di energia elettrica incentivata (rinnovabili, assimilati e di cogenerazione); la qualità commerciale del servizio nei settori dell’energia elettrica e del gas; la continuità del servizio nel settore dell’energia elettrica; le caratteristiche qualitative del gas tramite prelievi presso gli impianti di distribuzione, al fine di verificarne il potere calorifico, la pressione e l’odorizzazione; la sicurezza del servizio gas, per accertare la corretta registrazione degli standard di sicurezza mediante verifica delle registrazioni effettuate dagli esercenti rispetto ai dati comunicati all’Autorità.

Comments are closed.