ENERGIA. Autorità: dai certificati bianchi risparmi per 6 mln di tonnellate equivalenti di petrolio

Attraverso il meccanismo dei titoli di efficienza energetica, o certificati bianchi, è stato ottenuto in meno di cinque anni un risparmio energetico di quasi sei milioni di tonnellate equivalenti di petrolio. A guidare la classifica dei progetti di promozione dell’efficienza energetica sono Lombardia, Lazio e Toscana. In pratica, "è come se ogni anno fossero stati azzerati i consumi domestici di circa 1,6 milioni di persone e si fosse evitato il funzionamento di una centrale termoelettrica da 700 MW evitando, complessivamente, l’emissione di 16 milioni di tonnellate di gas serra". È quanto rende noto oggi l’Autorità per l’energia elettrica e il gas, che ha pubblicato il Rapporto statistico intermedio sul meccanismo dei titoli di efficienza energetica.

Illuminazione domestica, con la sostituzione di lampade fluorescenti compatte al posto delle tradizionali lampadine, elettrodomestici ad alta efficienza, installazione di sistemi di riscaldamento e condizionamento più efficienti e illuminazione pubblica sono gli interventi dai quali sono stati ottenuti i principali risparmi. Aumentano anche i risultati nel settore industriale, ma la maggior parte degli interventi è stata effettuata presso le famiglie. A guidare la classifica dei migliori risultati in termini di efficienza energetica, informa l’AEEG, sono la Lombardia, con oltre 754mila tep risparmiati, il Lazio e la Toscana con 628 mila e 581 mila risparmiati. Seguono l’Emilia Romagna (484 mila tep), il Piemonte (447 mila tep) e la Campania, con 418 mila tep.

"Occorre sottolineare – ha detto il presidente dell’Autorità per l’energia Alessandro Ortis – che i sei milioni di tep risparmiati in meno di cinque anni rendono sempre più vicino e raggiungibile il traguardo di risparmio energetico nazionale di 6,5 milioni di tep, fissato dal Governo per il periodo 2005-2009. I certificati bianchi si confermano quindi come uno strumento di mercato e di incentivazione flessibile, efficace ed economicamente conveniente, in grado di dare un contributo significativo al miglioramento dell’efficienza negli usi finali di energia e, dunque, al conseguimento degli obiettivi europei sui Cambiamenti Climatici".

Comments are closed.