ENERGIA. Black out europeo, Autorità promuoverà indagine allargata

Sabato notte un black out ha colpito per circa un’ ora dieci milioni di persone in otto paesi europei. Tra questi anche l’ Italia in alcune regioni. In merito al disservizio, l’Autorità per l’energia elettrica e il gas promuoverà oltre all’indagine conoscitiva che svilupperà per il territorio nazionale, come in ogni caso di disservizio per i consumatori, anche una indagine allargata europea.

L’Autorità italiana chiederà, durante la riunione del CEER (Consiglio Europeo dei Regolatori dell’Energia), già convocata per martedì, 7 novembre prossimo, l’apertura di una indagine congiunta con le altre autorità della Unione Europea, che riguarderà tutti i sistemi elettrici nazionali o regionali interessati.

Nei giorni scorsi l’Autorithy era anche intervenuta per deliberare l’avvio di un’istruttoria formale per l’eventuale irrogazione di sanzioni amministrative pecuniarie nei confronti della società Enel Distribuzione Spa per mancata lettura dei contatori. Nel corso delle attività conoscitive condotte dagli Uffici dell’Autorità, a seguito dei numerosi reclami di clienti finali e delle segnalazioni di alcune Associazioni di consumatori e utenti, è emerso che la società Enel Distribuzione Spa, la quale esercita l’attività di distribuzione in un ambito territoriale comprendente l’intero territorio nazionale, non ha effettuato, in ciascun anno dal 2003 al 2005, presso tutti i clienti allacciati alla propria rete con potenza impegnata fino a 30 kW, il tentativo di lettura previsto.
Il provvedimento finale sarà adottato entro 60 giorni dal termine dell’istruttoria e i soggetti interessati possono produrre le loro eventuali osservazioni e giustificazioni facendone richiesta all’Autorità entro 30 giorni dalla data di notifica della relativa delibera.

 

Comments are closed.