ENERGIA. Cittadinanzattiva: le idee dei giovani sulla politica energetica dell’Ue

"Un vero esercizio di cittadinanza attiva a livello europeo, un’occasione per coinvolgere i giovani nel futuro dell’Europa e rafforzare la loro consapevolezza di essere parte attiva nelle sfide politiche, economiche e sociali dell’Unione". Così commenta Adriana Bizzarri, coordinatrice Scuola di Cittadinanzattiva, commenta l’iniziativa svolta questa mattina a Roma, presso il Liceo scientifico Plinio Seniore, nell’ambito del progetto europeo "Young ideas for Europe", promosso dalla Fondazione tedesca Robert Bosh e curato in Italia da Cittadinanzattiva. Il progetto, cofinanziato dalla Commissione europea, ha coinvolto 26 scuole in tutta Europa e, attraverso la comunità online attiva sul sito web www.youngideasforeurope.it, circa 40.000 ragazzi tra i 15 e i 18 anni.

Gli studenti del Liceo avevano come obiettivo quello di preparare un manifesto di idee per la politica energetica dell’Europa: ha avuto la meglio il "Partito dello sviluppo" con lo slogan "Grandi aziende, grande energia, grande futuro" che si confrontava con il "Partito Ecoworld" e con il "CUPE – Cittadini Uniti per l’Europa". I principali punti del manifesto: puntare sul fotovoltaico e sul biologico ed incentivare il ricorso delle aziende alle energie alternative.

Il Manifesto della scuola romana sarà pubblicato sul sito www.youngideasforeurope.it e potrà essere votato insieme agli altri manifesti europei dalla comunità online; ma soprattutto la proposta italiana rientrerà nel "Piano di azione: Energia Nuova per l’Europa", frutto del lavoro di tutte le scuole europee partecipanti al progetto, che sarà consegnato, nel corso della primavera del 2010, alla Presidenza spagnola della UE.

Comments are closed.