ENERGIA. Confconsumatori Latina: Enel deve risarcire danni causati da scarsa manutenzione impianti

Enel dovrà risarcire i danni causati dalla scarsa manutenzione degli impianti. Confconsumatori Latina ha infatti ottenuto il risarcimento per un utente danneggiato da uno sbalzo di tensione: nei giorni scorsi il Giudice di Pace di Gaeta ha condannato la società Enel Servizio Elettrico S.p.A. al pagamento dei danni subiti da un utente a seguito di uno sbalzo di tensione verificatori a causa dello stato di cattiva manutenzione in cui si trovano le reti elettriche posizionate nel centro storico di Castellone di Formia. E’ stato infatti stabilito che "risulta provato attraverso la testimonianza dei tecnici dell’Enel intervenuti sul posto per il ripristino della rete, che la causa della tensione irregolare nel flusso di energia elettrica era da attribuirsi all’allentamento del cavo neutro della morsettiera di una cassetta di derivazione di proprietà Enel".

Nel novembre 2008 lo sbalzo di tensione legato alla cattiva manutenzione delle linee posizionate lungo i vicoli della cittadina aveva provocato in alcune abitazioni un flusso irregolare di energia elettrica e conseguenti danni a vari elettrodomestici e apparecchiature elettriche. Gli utenti danneggiati si erano così rivolti a Confconsumatori Latina per richiedere il risarcimento dei danni subiti. Dal momento che la società Enel riteneva di non riconoscere alcun danno, si è deciso di agire legalmente. Commenta Franco Conte, presidente della Federazione Provinciale di Latina della Confconsumatori: "Il Giudice ha stabilito che nel caso di specie trova applicazione il principio più volte sancito dalla Corte di Cassazione, secondo il quale con riguardo alla gestione di una conduttura aerea di energia elettrica, l’inosservanza da parte dell’Enel delle misure di salvaguardia implica la responsabilità risarcitoria dell’ente medesimo, per i danni subiti".

Comments are closed.