ENERGIA. Enel e Anci presentano guida per ridurre i consumi in municipio

L’edificio comunale si trasforma in modello di efficienza energetica. E’ il sottinteso auspicio della Guida Risparmiamo lenergia che abbiamo in Comune, presentata oggi a Roma dall’Enel e dall’Anci (Associazione nazionale Comuni Italiani). Limitare i consumi per riscaldamento, condizionamento dellaria, uso dellacqua, dell’elettricità e delle apparecchiature d’ufficio: sono alcuni dei consigli contenuti nelll’opuscolo per promuovere comportamenti virtuosi sull’uso dell’energia da parte del personale e dei dirigenti dell’amministrazione comunale.


La guida, frutto della collaborazione con l’ENEA, prosegue l’accordo fra Enel ed Anci in tema di rinnovabili e risparmio energetico nelle aree urbane. Due sono le parti in cui si divide l’opuscolo: una per coloro che lavorano negli edifici comunali; l’altra per gli amministratori e coloro che ricoprono incarichi di responsabilit allinterno dell’amministrazione. Nel complesso si tratta di suggerimenti che, a fronte di investimenti da zero a qualche decina di migliaia di Euro, possono permettere fortissime riduzioni nelle emissioni di anidride carbonica e risparmi consistenti.


Considerevoli i potenziali risparmi per l’amministrazione comunale. Il municipio di un Comune medio-piccolo, con una superficie di circa 2000 metri quadrati e una sessantina di stanze, ad esempio, più infatti arrivare a risparmiare 5.500 euro/anno istallando lampadine fluorescenti elettroniche; applicando valvole termostatiche ai caloriferi si risparmia il 20% del costo del combustibile; e un ulteriore 20% lo si pu abbattere sostituendo i vecchi infissi con nuovi, a tenuta e con doppi vetri. Con l’utilizzo di pannelli solari termici, si arriverebbe a risparmiare il 70% dellenergia, con emissioni nulle di anidride carbonica.


I Comuni italiani ha affermato Leonardo Domenici, Presidente Anci – attraverso questa iniziativa nata dalla collaborazione con Enel vogliono cogliere questa sfida e diventare protagonisti nella realizzazione di un piano nazionale di interventi per il risparmio energetico. E visto il rapporto di stretta vicinanza che i Comuni hanno con i cittadini, ecco che il comportamento virtuoso allinterno dei Municipi pu rappresentare un importante esempio per tutti. Non dimenticando che i risparmi economici derivanti dalla adozione di buone pratiche possono consentire alle stesse amministrazioni locali, i cui bilanci non sono certo floridi, di erogare servizi in pi ai cittadini e che le minori emissioni di agenti inquinanti contribuiscono nel contempo a migliorare la qualit dellaria delle nostre citt.

Sono convinto – ha dichiarato il Presidente dell’Enel Piero Gnudi – che un uso consapevole e intelligente dell’energia sia la pi importante fonte rinnovabile di cui disponiamo. E’ con particolare soddisfazione che mentre ricorre il primo anno di vita del Protocollo di collaborazione tra Enel e Anci, venga lanciata questa nuova, concreta iniziativa. Essa integra il complesso delle misure previste dal Piano Ambiente di Enel, mirato ad abbattere 4 milioni di tonnellate di CO2 l’anno con investimenti per 4,1 miliardi di qui al 2011".

Comments are closed.