ENERGIA. “Energia 2020”, ecco le 5 priorità energetiche dell’Europa

Prezzi competitivi, forniture sicure, risparmio energetico, mercati integrati e tecnologie sostenibili. Sono queste le 5 priorità energetiche per il prossimo decennio, presentate oggi dalla Commissione Europea nella comunicazione "Energia 2020". Sulla base di queste indicazioni verranno elaborate proposte legislative entro i prossimi 18 mesi. "La sfida energetica è una delle prove più importanti che dobbiamo sostenere – ha detto il commissario per l’Energia, Günther Oettinger – Ci vorrà tempo per avviare il nostro sistema energetico lungo un percorso di maggiore sostenibilità e sicurezza ma è adesso che occorre prendere decisioni ambiziose. Se vogliamo un’economia efficiente, competitiva e a bassa emissione di carbonio dobbiamo europeizzare la nostra politica energetica e concentrarci su poche ma urgenti priorità."

Per quanto riguarda la competitività, la Commissione propone nuove misure sul confronto dei prezzi, il cambio di fornitore e la fatturazione chiara e trasparente.

Sul fronte dell’innovazione, saranno lanciati 4 progetti in settori chiave: nuove tecnologie per le reti intelligenti e stoccaggio dell’energia elettrica, ricerca sui biocarburanti di seconda generazione e partenariato "città intelligenti" per promuovere il risparmio energetico a livello locale.

La Commissione ha fissato, inoltre, un termine per il completamento del mercato interno dell’energia: entro il 2015 nessuno Stato membro dovrà rimanere isolato.

Per il risparmio energetico, due sono i settori con le maggiori potenzialità: i trasporti e l’edilizia. Per aiutare i proprietari di abitazioni e le autorità locali a finanziare le misure di ristrutturazione e di risparmio energetico, la Commissione proporrà incentivi agli investimenti e strumenti di finanziamento innovativi entro la metà del 2011. Nel settore industriale, i certificati di efficienza energetica potrebbero costituire un incentivo per le imprese a investire in tecnologie a basso consumo energetico.

Infine, la sicurezza: l’UE deve coordinare la politica energetica nei confronti dei paesi terzi, specialmente nelle relazioni con i partner fondamentali. Annunciata un’importante cooperazione con l’Africa, mirante a fornire energia sostenibile a tutti i cittadini di quel continente.

Comments are closed.