ENERGIA. Eurobarometro, italiani poco entusiasti delle rinnovabili

BRUXELLES- Mentre i consumatori europei sono decisamente a favore dell’uso delle energie rinnovabili e, soprattutto del solare, gli italiani sono i meno entusiasti e stando alle cifre di Eurobarometro la percentuale dei cittadini del nostro paese a favore dell’impiego di queste energie e’ sempre al di sotto della media Ue.

La statistica condotta dalla Commissione europea tra maggio e giugno 2006 rivela che il 71% dei cittadini dell’Unione europea sostiene l’energia eolica. Ma questa non avrà vita facile da noi. Insieme agli inglesi gli italiani, con un 63% di risposte a favore dell’uso della potenza del vento, occupano l’ultimo posto in classifica tra i consumatori Ue. La situazione migliora per l’energia idroelettrica, scelta dal 63% degli italiani, ma sempre sotto la media Ue, pari al 65%. Un italiano su due, il 53% degli intervistati, e’ favorevole all’uso dell’energia marina, quella prodotta da maree e onde. Ancora una volta un appoggio inferiore a quello espresso dagli europei, 60%. Il ricorso alla biomassa riscuote ancora meno successo nel nostro paese. Siamo quartultimi nella classifica degli Venticinque i cui consumatori opterebbero per questa forma di energia. Infine in Italia si è espresso a favore del solare un 73% del campione, quando quello danese, cipriota e greco ha superato il 90%, con una media europea che si attesta intorno all’80%.

In compenso, interrogati sull’uso del gas, del petrolio, del carbone e anche dell’energia nucleare, gli italiani hanno espresso spesso pareri favorevoli con percentuali uguali o superiori alla media europea. Tra le fonti convenzionali, il gas e’ il piu’ amato. Sono a favore di questa fonte energetica il 42% dei cittadini europei, mentre per il petrolio l’apprezzamento scende al 27%. Il carbone, che viene indicato come il prodotto fossile del futuro, non e’ molto popolare. Solo il 26% dei consumatori lo sceglie come fonte energetica. Fanalino di coda nell’opinione pubblica europea rimane l’energia nucleare, cui si oppone il 25% degli europei. Identica percentuale in Italia.

 

Comments are closed.