ENERGIA. Greenpeace: contro il cambiamento climatico serve “una rivoluzione energetica pulita”

Il cambiamento climatico va affrontato con una "rivoluzione energetica" pulita che permetterebbe di risparmiare circa 14 mila miliardi di euro nella spesa in combustibili fossili e di sostenere l’occupazione. Investire nelle tecnologie rinnovabili è inoltre una strategia vincente su tre fronti: per la sicurezza energetica dell’Europa, per l’economia e per intervenire contro i cambiamenti climatici. È quanto afferma il nuovo rapporto ‘Energy [R]evolution: A Sustainable World Energy Outlook’, presentato oggi da Greenpeace International ed EREC (European Renewable Energy Council).

Lo scenario di Energy [R]evolution stima che i costi addizionali per l’utilizzo del carbone nel mondo – da oggi fino al 2030 – saranno pari a 15.900 miliardi di dollari, più di quanto necessario per avviare una rivoluzione energetica pulita.

"Per creare un’economia stabile e fronteggiare la crisi climatica è necessario avviare ora una rivoluzione del modo con cui produciamo e consumiamo energia – ha affermato Giuseppe Onufrio, direttore delle Campagne di Greenpeace – Una forte politica europea in materia di energia e clima basata su efficienza e rinnovabili renderà l’Europa più indipendente dalle fluttuazioni del prezzo dei combustibili fossili".

"Greenpeace chiede che i permessi a emettere emissioni di CO2 – all’interno del sistema europeo di scambio ETS – siano assegnati attraverso il meccanismo di asta, in modo da utilizzare tali risorse economiche per supportare il rapido sviluppo delle rinnovabili e di programmi per l’efficienza energetica, in modo da ridurre i costi energetici dei diversi Paesi europei – ha commentato Francesco Tedesco, responsabile Campagna Energia e Clima di Greenpeace – Chiediamo inoltre che l’Europa imponga un’immediata moratoria su nuovi impianti a carbone e che i Governi europei fissino l’obiettivo unilaterale per la riduzione delle emissioni europee al 2020 pari al 30%".

LINK: Energy [R]evolution: sintesi in italiano

Comments are closed.