ENERGIA. Grossi (AEEG): “Il ruolo delle Associazioni è centrale”

ROMA. HC ha intervistato il Direttore Consumatori e Qualità del servizio dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas Alberto Grossi: nel 2010, spiega, la sua Direzione "intende potenziare ulteriormente la collaborazione con le Associazioni dei consumatori facenti parte del CNCU, rafforzando i momenti di dialogo con le Associazioni stesse".

Quali sono i rapporti dell’Autorità con le Associazioni dei consumatori?

L’Autorità fin dalla sua costituzione ha sempre dato grande importanza al contributo delle Associazioni dei consumatori a supporto della propria attività. Non a caso fin dal 2001 ha stipulato un Protocollo di intesa con il Consiglio Nazionale dei Consumatori e degli Utenti (CNCU), poi rinnovato nel corso del 2009 per tener conto dell’apertura dei mercati e delle novità introdotte dal Codice del Consumo, il cui programma di attività si pone obiettivi come: migliorare l’informazione ai clienti finali, proprio attraverso la diffusione delle conoscenze utili alla comprensione del nuovo assetto dei mercati energetici; promuovere l’educazione al consumo attraverso attività orientate a favorire la consapevolezza dei clienti relativamente ai propri diritti e all’uso consapevole dell’energia; formare il personale delle Associazioni dei consumatori attraverso attività di aggiornamento periodico; potenziare l’accesso dei consumatori a forme stragiudiziali di risoluzione delle controversie.

Secondo lei, qual è o quale può essere il ruolo delle Associazioni dei consumatori nell’attività svolta dall’Autorità Energia?

Come dicevo, il ruolo delle Associazioni è per noi centrale. Le Organizzazioni che fanno parte del CNCU possono infatti contribuire al raggiungimento degli importanti obiettivi prefissati attraverso la partecipazione attiva, sia a progetti promossi dall’Autorità, sia a momenti di confronto organizzati o dalle stesse Associazioni mediante particolari eventi o dalla stessa Autorità (per esempio il Forum delle Associazioni dei clienti domestici e non, o il Gruppo di coordinamento delle Associazioni dei consumatori con riferimento allo Sportello per il consumatore di energia). Inoltre, le Associazioni dei consumatori possono svolgere un prezioso compito di segnalazione all’Autorità dei problemi dei consumatori di cui vengano a conoscenza tramite l’attività svolta dai propri sportelli sul territorio.

Lei rileva invece aspetti critici o problematici in questo rapporto? Se sì, quali sono?

Non esistono aspetti particolarmente critici o problematici nei rapporti tra l’Autorità e le Associazioni dei consumatori, dato che il costante confronto consente di evidenziare di volta in volta temi e problematiche meritevoli di approfondimenti. Ciò non significa che non vi siano casi in cui le decisioni dell’Autorità si discostano in parte dalle richieste delle Associazioni dei consumatori. Ciò avviene comunque a valle di un confronto con tutti i soggetti portatori di interesse e, nei casi di emanazione di nuove direttive, dopo un ampio processo di consultazione. Proprio perché l’Autorità deve tenere in considerazione le esigenze di tutti i soggetti, in alcuni casi ha recepito solo parzialmente le richieste delle Associazioni.

Qual è la linea d’azione cui si ispirerà nel 2010 la Direzione Consumatori da lei diretta nei confronti delle associazioni dei consumatori?

Nel 2010 la Direzione Consumatori e Qualità del Servizio dell’Autorità intende potenziare ulteriormente la collaborazione con le Associazioni dei consumatori facenti parte del CNCU, rafforzando i momenti di dialogo con le Associazioni stesse e svolgendo precisi filoni di attività: l’avvio di progetti, con finanziamento dell’Autorità, per una maggiore informazione dei consumatori dei loro diritti sulla base delle direttive emanate dall’Autorità e per un monitoraggio dei contratti di energia nel mercato libero; l’avvio di progetti, con finanziamento proveniente dalle sanzioni irrogate dall’Autorità, per proseguire nella promozione della conciliazione stragiudiziale paritetica, per la qualificazione degli sportelli territoriali delle Associazioni dei consumatori e per la divulgazione territoriale della conoscenza delle disposizioni emanate dall’Autorità a favore dei consumatori. Ma punteremo anche al potenziamento e miglioramento degli strumenti di confronto delle offerte sul mercato libero per entrambi i settori dell’energia elettrica e del gas, al miglioramento della trasparenza nei documenti di fatturazione e al completamento della regolazione a tutela dei consumatori, a partire anche dalle segnalazioni delle stesse Associazioni dei consumatori.

 

a cura di Sabrina Bergamini

Comments are closed.