ENERGIA. Imprese lombarde ecologiche: una su 4 pronta a passare all’energia verde

Le aziende lombarde sono sempre più ecologiche: l’83% di esse, cioè oltre 4 imprese su 5 scelgono il mercato libero dell’energia rispetto a quello tutelato. Sono soprattutto aziende dei settori più energivori, come la chimica e la metallurgia (rispettivamente 86,4% e 91,6% delle imprese di settore) mentre preferiscono le condizioni stabilite dall’Autorità per l’energia le imprese del commercio, alloggio e ristorazione. Oltre 2 imprese lombarde su 3 cambierebbero fornitore per risparmiare sui prezzi (una su tre per uno sconto del 15%, una su cinque per uno sconto del 10%). Una impresa su 4 sarebbe disposta a pagare di più per comprare energia verde, cioè prodotta da fonti rinnovabili certificate.

E’ quanto emerge dal Rapporto su "Il costo della fornitura di energia elettrica pagato dalle imprese lombarde" presentato oggi dalla Camera di Commercio di Milano. "In una economia sempre più internazionale e tecnologicamente avanzata il costo energetico rappresenta un fattore importante di competitività – ha ricordato Marco Accornero, consigliere della Camera di commercio di Milano e membro del Comitato Direttivo di Unioncamere Lombardia – Ecco perché il contenimento dei costi e l’ampliamento dell’offerta diventano fattori rilevanti per lo sviluppo delle imprese, una leva per promuovere il loro rafforzamento e la loro modernizzazione anche in vista dell’attesa ripresa economica. In questa prospettiva, rapporti come quello che presentiamo oggi diventano strumenti utili per conoscere e monitorare il sistema e per registrare difficoltà e richieste delle imprese del nostro territorio".

Purtroppo, però, il mercato libero dell’energia non è esente da criticità: se il 54% delle imprese è soddisfatta del servizio, il 21% segnala un aumento dei costi, il 17% scarsa trasparenza circa le condizioni adottate dagli operatori e il 6% conguagli elevati o doppia fatturazione (6%). E il 73% delle imprese ha difficoltà a leggere le bollette.

Comments are closed.