ENERGIA. Legambiente: metano da scarti organici, ma l’Italia trascura le rinnovabili

Sulle energie rinnovabili l’Italia non decolla. E trascura la possibilità di recuperare energia sotto forma di metano dagli scarti organici (scarti urbani, forestali e dell’industria agroalimentare, effluenti zootecnici, fanghi di depurazione). Si stima invece che dai rifiuti e dalle biomasse di origine agroindustriale si potrebbero ottenere otto miliardi di metri cubi di metano ogni anno, pari a circa il 10% del fabbisogno di gas naturale in Italia. Questi i dati resi noti oggi da Legambiente che ha presentato, alla fiera Ecomondo di Rimini, il dossier "Energia dai rifiuti senza CO2: la gestione sostenibile degli scarti organici".

"Trattando in maniera adeguata gli scarti organici si ottengono vantaggi su più fronti – dichiara Stefano Ciafani, responsabile scientifico di Legambiente – Si riduce il fabbisogno delle fonti fossili, si aumenta la qualità dei suoli italiani, particolarmente poveri di sostanza organica, si sequestrano nel terreno enormi quantità di CO2".

Comments are closed.