ENERGIA. Lombardia, boom del solare con più 488%. Brescia la provincia più virtuosa

In Lombardia il grande sviluppo conosciuto dal fotovoltaico tra il 2007 e il 2008 presenta percentuali da capogiro: +488%, pari a oltre 6mila impianti installati fino a giugno scorso per una potenza complessiva che sfiora i 57mila kW, quanto basta a coprire i consumi domestici di 15-20mila famiglie e un fatturato superiore ai 300 milioni di euro.

Sono questi i numeri che emergono dalla ricerca presentata dalla Camera di Commercio di Milano, che vede la Lombardia come la regione più virtuosa in Italia per numero di impianti (15,6% del totale nazionale), seguita da Emilia Romagna (10,1%) e Veneto (9,3%) mentre è seconda per potenza prodotta (11,6% del totale nazionale), dopo la Puglia (12,5%).

Se si considera invece la potenza fotovoltaica pro-capite, per l’alta densità abitativa e la struttura dei suoi centri urbani, con prevalenti residenze non unifamiliari, la Lombardia diventa la quattordicesima Regione in Italia, con 5,2 kW installate ogni 1.000 abitanti preceduta nella classifica da Trentino (33,2), Umbria (22,3) e Marche (16,2).

"Anche se il 95% degli impianti attivi in Lombardia riguarda il mercato residenziale, (16% del corrispondente totale nazionale, per il 52% della potenza installata), il 2008 ha segnato un deciso momento di svolta, con un boom degli impianti di taglia superiore ai 100 kW, e Brescia si posiziona come la provincia più virtuosa per numero di impianti e potenza complessiva installata, con circa il 25% delle installazioni lombarde", ha spiegato Vittorio Chiesa, direttore dell’energy&Strategy Group del Politecnico di Milano.

Seguono nella classifica Milano (con circa il 20%) e Bergamo (con il 15%).

"Milano è la quinta provincia in Italia nel settore del fotovoltaico con 1.004 impianti installati, il 20% del totale regionale e il 3,15% di quello nazionale per una potenza pari a 9,4MW", ha aggiunto Paolo Guaitamacchi, della Camera di Commercio.

Prima per diffusione del fotovoltaico in termini relativi rispetto alla sua estensione territoriale, la tipologia di unità abitativa dominante nel capoluogo di provincia, frequentemente a più piani e multifamiliare, la colloca però all’ultimo posto per diffusione pro capite, con 32,56 impianti ogni 100mila abitanti.

Dal quadro fotografato dal primo Rapporto di ricerca sull’energia solare in Lombardia realizzato dalla Camera di Commercio e dal Politecnico di Milano, emerge però anche un contesto che alterna luci ed ombre, nonostante il grande sviluppo che il fotovoltaico ha avuto soprattutto dal 2008 e permangono intatte alcune criticità, come l’elevato costo iniziale per le famiglie che devono attendere in media 10 anni per rientrare dall’investimento, la difficoltà di accesso al credito e ai finanziamenti, la dipendenza dall’estero per l’approvvigionamento, soprattutto da Germania, Giappone e Cina, e l’esistenza di singole discipline regionali in materia di autorizzazioni che rendono il panorama legislativo piuttosto disomogeneo.

"Con il progetto del Laboratorio sulle energie rinnovabili – ha concluso Guaitamacchi – continua l’impegno della Camera di Commercio sul fronte delle fonti di energia alternativa, un tema sul quale Milano e la Lombardia si dimostrano all’avanguardia nel confronto nazionale. I dati dimostrano infatti che imprese e famiglie stanno investendo sull’energia solare ma restano da superare alcune difficoltà tra cui l’alto costo dell’investimento e le difficoltà di accesso ai finanziamenti".

di Flora Cappelluti

Comments are closed.