ENERGIA. Ortis: bonus elettrico, un milione di domande

Oltre un milione di famiglie ha già chiesto il bonus elettrico. Dall’inizio dell’anno le bollette di luce e gas sono in diminuzione. In generale, il 60% delle famiglie italiane (con bassi consumi di elettricità) paga bollette meno care rispetto alla media Ue, ma queste si alzano per consumi più elevate e per le imprese, per le quali la bolletta pesa più della media europea. Continuano a pesare la forte dipendenza dell’Italia dal petrolio – "le bollette gas ed elettricità per i consumatori italiani continuano ad essere molto esposte alle escursioni dei prezzi petroliferi" – insieme agli oneri di sistema e alla volatilità dei prezzi. E’ quando sottolinea il presidente dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas Alessandro Ortis nella Relazione annuale presentata oggi a Montecitorio.

"Dall’inizio dell’anno ad oggi il prezzo per l’energia elettrica è sceso dell’8%; quello del gas del 15,4%", ha sottolineato Ortis ricordando che l’Autorità ha adottato da tempo "meccanismi di aggiornamento trimestrale che attenuano gli effetti della eccessiva volatilità dei prezzi internazionali degli idrocarburi". In particolare, per quanto riguarda le bollette elettriche, questo l’andamento dei prezzi: "si può stimare che il 60% delle famiglie italiane, con consumi annui inferiori ai 2500 kWh, paghi per l’elettricità prezzi più bassi della media europea. Per altri, con consumi più elevati, restano le differenze già segnalate in passato, con scostamenti sfavorevoli anche superiori al 45%. Nello stesso periodo, le imprese italiane hanno pagato prezzi dell’energia elettrica più elevati rispetto alla media europea per tutte le classi di consumo, con scostamenti superiori al 25%". In tema gas, continua Ortis, i prezzi italiani "per la classe più bassa di consumo (cottura cibi e riscaldamento acqua), si sono collocati su livelli inferiori a quelli medi europei; per le classi più alte (utilizzo del gas anche per il riscaldamento), il prezzo è stato in linea con quello medio europeo, se calcolato al netto delle imposte, e superiore, se calcolato al lordo delle imposte (con uno scostamento del 15%)".

È stato attivato il bonus gas. Sul bonus elettrico, invece, sono già più di un milione le domande richieste, fra le quali meno del 2% considerate non ammissibili, 380 mila in via di valutazione e più di 600 mila ammesse alla riduzione della bolletta.

Prosegue il processo di liberalizzazione specialmente nel settore elettrico dove, rileva il presidente dell’Autorità, "continua ad aumentare il numero di famiglie e piccole imprese che scelgono offerte sul mercato libero". Questo il bilancio tracciato: "In soli due anni di liberalizzazione, oltre 3 milioni e 200 mila consumatori hanno deciso di cambiare venditore: oltre 2 milioni di famiglie (il 7,1% del totale) e più di un milione e 200 mila piccole imprese (il 15,6% del totale). Il tasso di switching medio nazionale arriva così all’8,9%, un livello in linea con le migliori esperienze di altri Paesi europei". Segnali invece "meno positivi" nel settore del gas, dove a sette anni dall’apertura del mercato "meno del 7% dei clienti ha cambiato fornitore" con una percentuale che si riduce "a poco più del 4% per la clientela domestica".

Intanto, dal 2010, arriva gradualmente la tariffa "bioraria" nel settore domestico, che "consentirà – afferma Ortis – non solo una migliore allocazione dei costi ma soprattutto indurrà comportamenti più virtuosi ed efficienti, a beneficio di tutti i consumatori e dell’equità del sistema".

Nella sua relazione, l’Autorità torna a sottolineare la forte dipendenza del mercato energetico italiano dal petrolio e il rischio della speculazione, rilevando come "la crisi ha pure confermato come i costi dell’energia incidano sul reddito disponibile delle famiglie e sulla possibilità per le imprese di competere sul mercato globalizzato". In tema di qualità commerciale, nell’arco degli ultimi dieci anni "sono stati riconosciuti ai consumatori più di 650.000 indennizzi; 50.000 nel 2208, con pagamento di circa 3,5 milioni di euro".

Comments are closed.