ENERGIA. Piemonte, in arrivo 3,1 mln di euro per le fonti rinnovabili

Impianti a biomassa, fonti ricavate dal sole, strutture idroelettriche. Sono alcuni degli impegni che verranno finanziati dalla Regione Piemonte per mettere in atto nuove politiche energetiche. La delibera approvata dalla Giunta prevede uno stanziamento di 3,1 milioni di euro da destinare a progetti presentati da alcune imprese, in particolare per la realizzazione di strutture fotovoltaiche ad alta efficienza ed a basso impatto ambientale. Obiettivo finale raggiungere entro il 2010 i 30 Megawatt di produzione solare.

Due delle proposte che verranno finanziate dall’amministrazione provengono da RSA s.r.l. di Balangero, Baricalla S.p.A., Cooperativa Sociale Arcobaleno e Gruppo Abele e saranno realizzate in aree degradate del territorio, come la discarica di Barricalla e Collegno e l’ex miniera di balangero e Corio. "Le due iniziative – afferma l’assessore regionale all’Ambiente e all’Energia Nicola De Ruggiero – rientrano nella post-gestione dei relativi siti che avranno bisogno per i prossimi anni di un attento e costante monitoraggio, essendo aree che, non potendo essere utilizzate per altri fini, correrebbero il rischio di rappresentare solo una passività per la collettività. La realizzazione di campi fotovoltaici contribuirà alla riqualificazione ambientale delle aree, consentendo, attraverso la vendita dell’energia elettrica prodotta, di affrontare i costi di post-conduzione".

Gli altri due progetti, appartenenti al gruppo Abele ed alla cooperativa Arcobaleno, hanno lo scopo di porre in essere un impianto per l’autoconsumo e una struttura a basso costo ed a risparmio energetico. "Sia il Gruppo Abele che la cooperativa Arcobaleno – sottolinea l’assessore – sono due realtà molto importanti. Da anni impegnate in progetti di solidarietà, accoglienza e accompagnamento delle persone più svantaggiate, grazie al contributo della Regione Piemonte, possono migliorare le sedi in cui operano con uno sguardo attento alle problematiche energetiche. Si tratta di due interventi dal forte valore educativo che, speriamo, siano seguiti anche da altri enti e associazioni".

"Oggi la valenza strategica delle energie rinnovabili – ha dichiarato l’assessore De Ruggiero – sotto gli aspetti ambientali ed economici è assolutamente indispensabile. La riduzione delle emissioni inquinanti e la continua diminuzione della disponibilità di fonti fossili, soprattutto a causa della crescita della domanda, ci impone linee rigorose ed efficaci nel campo della politica energetica. Per questo in Piemonte dobbiamo incentivare la diversificazione delle risorse e l’incremento dell’utilizzo delle fonti rinnovabili come impianti a biomassa, solari termici, fotovoltaici, ed in misura ridotta, anche per questioni di salvaguardia dell’ecosistema dei fiumi, idroelettrici. Abbiamo deliberato di stanziare 3,1 milioni di euro per sostenere economicamente con prestiti a tasso zero, nell’ambito di un fondo rotativo, alcuni interventi che perseguono obiettivi di utilizzo dell’energia rinnovabile e scopi formativi". "Oggi la potenza fotovoltaica installata in Piemonte – prosegue De Ruggiero – è di 3,5 MW, pari allo 0,5 per mille della complessiva produzione regionale di energia elettrica, circa 7.200 MW, in pratica un raddoppio di produzione dall’inizio della legislatura. I progetti indicati nella delibera della Giunta favoriranno l’installazione di circa altri 3,8 MW, che in una fase successiva potranno arrivare a 5,4 MW. Sulla base di questo trend e delle indicazioni del piano operativo regionale, entro il 2010 la potenza prodotta in Piemonte con impianti fotovoltaici potrà essere intorno ai 30 MW".

Comments are closed.