ENERGIA. Rapporto Legambiente: Comuni rinnovabili raddoppiati nel 2008

Le opportunità per rinnovare la politica energetica dell’Italia sono nel territorio. Lo testimonia il numero crescente dei Comuni italiani che puntano sull’energia pulita. Secondo il rapporto Comuni rinnovabili, presentato oggi a Roma da Legambiente, attualmente sono 3190 i municipi virtuosi, 1928 in più rispetto al 2007. "La scommessa di questi territori si sta rivelando vincente sotto tutti i punti di vista – ha commentato Edoardo Zanchini, responsabile energia di Legambiente – Per rispondere al fabbisogno energetico, perché già oggi sono centinaia i Comuni che producono più energia elettrica di quanta ne consumano. Ma anche per i cittadini, perché coloro che hanno installato impianti solari termici e fotovoltaici, che sono collegati a reti di teleriscaldamento, pagano bollette meno salate e respirano un’aria più pulita. Grazie a questi impianti si sono creati nuovi posti di lavoro, attirati nuovi servizi e creato nuove prospettive di ricerca oltre a maggior benessere e qualità della vita".

Il rapporto è stato redatto grazie a un questionario inviato agli oltre 8000 Comuni italiani che riporta i processi di sviluppo delle fonti energetiche pulite nel nostro Paese, la distribuzione e il tipo degli impianti e delle fonti.

Nella ricerca Legambiente stila una sorta di classifica dei "più virtuosi". A salire sul podio è Dobbiaco (Bz), l’unica amministrazione a soddisfare completamente con energie pulite tanto il suo fabbisogno termico quanto quello elettrico.

In testa al settore dell’energia solare c’è invece Selva di Val Gardena (Bz) con 2400 mq di pannelli solari termici e una media di 955 mq di pannelli istallati ogni 1.000 abitanti, che supera di gran lunga il target Ue. Prato allo Stelvio (Bz) è il Comune migliore per il solare fotovoltaico. Catania e Prato sono quelli che hanno installato rispettivamente più pannelli solari termici e fotovoltaici sugli edifici pubblici.

Per quanto riguarda l’eolico sono 157 i Comuni rinnovabili contati dal rapporto per una potenza installata di 2819 MW, con 644 MW in più rispetto al 2007. In aumento i Comuni della biomassa passati dai 233 del 2007 agli attuali 306. Ammontano, invece, a 28 i municipi della geotermia per una potenza installata pari a 792 MW, 10 Comuni e 30MW in più rispetto al rilevamento dello scorso anno. I Comuni del mini idroelettrico (fino a 3 MW) sono infine 114. La potenza totale installata è di 72 MW, in grado di produrre circa 288 milioni di kWh/anno pari al fabbisogno di energia elettrica di 115.200 famiglie.

Comments are closed.