ENERGIA. Ritorno al nucleare, Margiotta (PD): “Le Regioni impugnino il provvedimento”

E’ stato approvato ieri alla Camera il disegno di legge1441-ter che sancisce il ritorno del nucleare in Italia. L’intero impianto normativo – sostiene Salvatore Margiotta, Vicepresidente Commissione Ambiente, Territorio, Lavori Pubblici – è assolutamente carente; tre aspetti, però, sono davvero molto preoccupanti: la legge prevede l’esercizio dei poter sostitutivi del Governo, esautorando regioni e comuni, anche per la localizzazione delle centrali; i siti individuati dal Governo per l’ubicazione degli impianti vengono dichiarati di interesse strategico nazionale, e dunque militarizzati fin dalla posa della prima pietra; viene infine – e ciò, ricordando il precedente di Scanzano Jonico, non fa dormire sogni tranquilli in particolare ai lucani! – conferita delega al Governo per la determinazione delle modalità di smaltimento delle scorie radioattive e dunque potenzialmente anche per la scelta del sito unico.

Ora il disegno di legge passa all’esame del Senato. Se fosse definitivamente approvato – conclude Margiotta – le regioni dovranno immediatamente impugnare il provvedimento, fortemente centralista, lesivo delle prerogative e delle competenze delle regioni medesime, teso ad espropriarle del sacrosanto diritto di programmazione del proprio territorio e di autodeterminazione.

Comments are closed.