ENERGIA. Scajola: “A gennaio ribassi per le bollette di luce e gas”

Per effetto della forte diminuzione del prezzo del petrolio da gennaio ci dovrebbe essere una riduzione del 4% delle bollette dell’energia elettrica e dell’1% di quelle del gas. Parlare quindi di blocco per queste due tariffe potrebbe essere svantaggioso per i consumatori. E’ quanto sostiene il ministro dello Sviluppo economico Claudio Scajola in una nota emessa dal suo ministero. La rilevazione settimanale di lunedì sui carburanti, infatti, ha registrato un ribasso di 4,5 centesimi per la benzina e 4,4 centesimi per il gasolio. Questo ha portato la benzina a 1,15 euro al litro e il gasolio a 1,14 euro al litro, i valori più bassi dal gennaio 2006, con una riduzione del 30% rispetto ai valori dello scorso luglio.

"Il ribasso dei prezzi del petrolio e delle altre materie prime, che sta facendo calare i prezzi al consumo – ha commentato il Ministro Claudio Scajola – rappresenta un sollievo per i consumatori in queste difficili settimane. Dal prossimo gennaio, con la revisione trimestrale, le bollette dell’elettricità e del gas diminuiranno rispettivamente del 4% e dell’1%, con riduzioni che saranno ancor più significative in aprile e giugno. Alla luce di questi andamenti il blocco delle tariffe, per l’elettricità e il gas, sarebbe addirittura svantaggioso per i cittadini.

"Si stima che per i soli consumi legati ai prodotti petroliferi, dal pieno di benzina al riscaldamento, fino alle bollette di luce e gas – ha proseguito il Ministro – nel 2009 si risparmieranno oltre 2500 euro in media a famiglia. Da febbraio, infine, entreranno in vigore i bonus per il gas e l’elettricità con sconti per 800 milioni di euro complessivi, per le famiglie numerose e a basso reddito."

In particolare, i bonus, che saranno retroattivi dal primo gennaio 2008, comporteranno una riduzione della bolletta della luce del 15-16% e del gas del 10% (per la diversa incidenza dell’imposizione fiscale). Una coppia con un figlio a carico e con un reddito di circa 23mila euro l’anno potrà ottenere dal prossimo marzo un bonus di circa 450 euro tra elettricità e gas per il biennio 2008-2009. Una famiglia con 4 o più figli potrà ottenere il bonus con un reddito fino a 64 mila euro.

Già nelle settimane scorse, il presidente dell’Autorità, Alessandro Ortis, aveva più volte annunciato che, salvo eventi eccezionali, "é facile prevedere che le bollette diminuiranno, in modo sensibile e progressivo, prima per il settore elettrico seguito da quello del gas". L’autorità darà le cifre ufficiali solo alla fine dell’anno, quando annuncerà le tariffe di riferimento per il primo trimestre del 2009. Il costante calo del prezzo del petrolio porterà comunque nelle tasche delle famiglie italiane un ulteriore ‘bonus’ da 2.500 euro. A tanto ammonteranno infatti i risparmi che i consumatori potranno ottenere grazie agli effetti positivi del crollo del greggio su benzina e riscaldamento, oltre ovviamente che su luce e gas.

 

Comments are closed.