ENERGIA. Tariffa bioraria, ANEA: cambiare abitudini di consumo per risparmiare

A partire da domani sarà automaticamente applicata una nuova tariffa bioraria per l’energia elettrica a tutti gli utenti dotati di un contatore elettrico e che ad oggi non hanno ancora cambiato il proprio fornitore di elettricità, passando al mercato libero. Con essa, ciascun consumatore pagherà l’energia consumata nella maniera maggiormente aderente al costo necessario per produrla e beneficerà di un sistema più efficiente (riducendo i rischi di black-out), economicamente conveniente e di minore impatto ambientale.

"Con la nuova tariffa Bioraria – afferma Michele Macaluso, Direttore ANEA, Agenzia Napoletana Energia Ambiente – bisogna prestare la massima attenzione a fare un consumo intelligente dell’energia; inizialmente il risparmio calcolato è abbastanza esiguo (pari all’1%). Tuttavia, se non ci si adegua ad un utilizzo virtuoso dell’energia, continuando quindi a concentrare i consumi nella fascia oraria di picco (F1 dalle 8.00 alle 19.00), si corre il rischio di incrementare i costi della bolletta (anche del 5%). Per usufruire dei benefici quindi bisogna modificare le abitudini domestiche cercando di concentrare almeno il 70% dei consumi nella fascia di basso carico (F2 e F3 dalle 19.00 alle 8.00), utilizzando lavatrici, ferro da stiro, lavastoviglie, televisori e computer dopo le ore 19".

Comments are closed.