ENERGIA. UNC: non si può rinunciare a trasparenza e comprensibilità delle bollette

"I consumatori hanno il dovere di versare un prezzo equo per l’energia che consumano ma hanno anche il diritto capire per cosa stanno pagando: il comportamento dei "big" del settore ci indigna perché rappresenta un passo indietro nell’auspicato percorso verso una crescente tutela del consumatore". Così Massimiliano Dona, Segretario Generale dell’Unione Nazionale Consumatori commenta la sanzione comminata ieri dall’Autorità per l’energia elettrica e il gas a 5 società (Edison Energia, Enel Energia, Eni, Sorgenia e Hera Comm) per violazione delle norme sulla trasparenza delle bollette. "Trasparenza e comprensibilità sono requisiti a cui non possiamo rinunciare nelle nostre bollette" conclude il Segretario Generale.

 

 

Comments are closed.