ENERGIA. Ue, addio alle lampadine a incandescenza. UNC: “Privilegiare le fluorescenti”

Da oggi le lampadine a incandescenza sono bandite dall’Unione Europea. Niente più ordini di lampadine al tungsteno, dunque, che resteranno in vendita nei supermercati europei fino ad esaurimento scorte. A sostituire queste lampadine sono le fluorescenti ed alogene, che producono un risparmio energetico per le famiglie e per l’ambiente. Questa misura è stata proposta dalla Commissione Ue lo scorso dicembre e approvata in seguito dalla Commissione Ambiente, sanità e sicurezza alimentare del Parlamento europeo.

"L’obiettivo – ha spiegato Massimiliano Dona Segretario Generale dell’Unione Nazionale Consumatori – è quello di rimpiazzare completamente le lampadine tradizionali entro il 2012 sostituendole con lampadine di ultima generazione, le quali, rispetto a quelle ad incandescenza, ripagano il loro maggiore costo grazie al risparmio energetico. Inoltre, queste nuove lampade durano di più e aiutano l’ambiente con minori emissioni nocive nell’atmosfera".

"Per ottenere un maggiore e reale risparmio – conclude Dona – è consigliabile privilegiare le lampadine compatte fluorescenti rispetto alle alogene di nuova generazione. Le alogene infatti, pur essendo migliorate, garantiscono una riduzione dei consumi solo fino al 50% perché richiedono un trasformatore aggiuntivo che necessita di ulteriore energia".

Le lampadine fluorescenti compatte consumano il 75% di energia in meno di quelle tradizionali; le alogene sono almeno il 25% più efficaci. Inoltre si ridurrebbe di 15 tonnellate ogni anno l’emissione di CO2. La sostituzione permetterà un risparmio di 40 terawatt l’ora, che corrispondono al consumo di 11 milioni di famiglie europee o all’equivalente della produzione annuale di 10 centrali elettriche di 500 megawatt. E una famiglia arriverà a risparmiare 50 euro all’anno sulla bolletta dell’energia elettrica, utilizzando le lampadine fluorescenti. Il risparmio per l’intera Unione dovrebbe oscillare tra i 5 e i 10 miliardi di euro ogni anno.

 

Comments are closed.