ENERGIA. Unione Petrolifera: “A luglio scendono i consumi petroliferi italiani (-1,8%)”

A luglio scendono dell’1,8% (meno 135 mila tonnellate) rispetto allo stesso mese del 2005 i consumi petroliferi italiani, con volumi pari a circa 7,2 milioni di tonnellate. Lo rileva l’Unione Petrolifera che evidenzia un calo per i prodotti di autotrazione, come la benzina e per l’olio combustibile per uso termoelettrico.

In particolare, la benzina ha spermientato un calo del 7,3% (meno 88 mila tonnellate) mentre il gasolio autotrazione, complessivamente, un incremento del 2,0% (più 42 mila tonnellate), con la sola rete in progresso del 4,3% (più 58 mila tonnellate). Nel mese le immatricolazioni di autovetture nuove sono scese dell’11,5% con quelle diesel che hanno coperto il 60,6% del totale. È inoltre proseguito il calo dei consumi di olio combustibile per uso termoelettrico, sebbene con una flessione limitata al 5,6% (meno 28 mila tonnellate), con l’Atz che ha fatto segnare un -33,3% e il Btz un +0,7%.

I volumi immessi al consumo nel mese sono stati pari a: 1,1 milioni di tonnellate (benzina auto); 2,2 milioni di tonnellate (gasolio auto); 0,5 milioni di tonnellate (olio combustibile per uso termoelettrico). La domanda totale di carburanti (benzina + gasolio) nel mese ha mostrato un calo di oltre l’1% rispetto allo stesso mese del 2005.

L’Unione rileva invece un segno positivo invece nei primi sette mesi del 2006 con la domanda complessiva che si è attestata ad oltre 51 milioni di tonnellate (più 683 mila tonnellate), pari ad un incremento dell’1,4% rispetto allo stesso periodo del 2005. Nel periodo in esame vale rilevare il + 14,4% dell’olio combustibile impiegato nella termoelettrica, per un totale di oltre 4 milioni di tonnellate, che ha risentito dei maggiori acquisti legati alla crisi del gas dello scorso inverno. Le nuove immatricolazioni evidenziano un più 5,1%, con il 58,5% rappresentato da vetture diesel. La domanda totale di carburanti (benzina + gasolio) ha mostrato un progresso dello 0,6%.

Comments are closed.