ENI, firmato il protocollo di conciliazione

Conciliazione con ENI, si parte. È stato firmato oggi il protocollo di conciliazione online fra l’amministratore delegato dell’ENI Paolo Scaroni e i rappresentati delle associazioni dei Consumatori aderenti al Consiglio Nazionale Consumatori Utenti (CNCU). Dal prossimo gennaio sarà dunque avviata una fase sperimentale di conciliazione paritetica che durerà un anno e inizialmente riguarderà i clienti gas del mercato domestico del Veneto. In seguito, alla fine di questo periodo, la conciliazione sarà estesa su tutto il territorio nazionale.

Sarà dunque possibile risolvere le richieste dei clienti per la ricostruzione dei consumi per contestazioni di fatturazioni in bolletta (nel caso di blocco totale o parziale del misuratore o di misuratore illeggibile). E si potrà richiedere la rateizzazione di fatture anomale.

"Ci aspetta un autunno caldo per le bollette energetiche, causato dagli aumenti stratosferici del prezzo del gas. Intanto, però, è giunta finalmente la possibilità per gli utenti di ricorrere alla conciliazione. Siamo soddisfatti dell’accordo sottoscritto questa mattina e ci auguriamo che la sperimentazione venga al più presto sostituita dall’applicazione della procedura sull’intero territorio nazionale": questo il commento di Francesco Luongo, responsabile del settore energia del Movimento Difesa del Cittadino (MDC) che ha firmato il protocollo per conto di MDC insieme alle altre associazioni.

La richiesta di estendere la conciliazione anche ad altre regioni è condivisa da Adiconsum. "Con la conciliazione – commenta il segretario generale Paolo Landi – saranno possibili i risarcimenti ai reclami dei consumatori". L’accordo consentirà di ottenere un risarcimento in caso di errori di lettura del contatore o di calcolo nella fatturazione o di scarsa qualità del servizio, ricorda l’associazione. E oer la conclusione della procedura basteranno trenta giorni.

Comments are closed.